3ª Festa della Salute

Un’affollata conferenza stampa quella dell’Azienda Sanitaria di Ragusa che ha organizzato per presentare la “3ª Festa della Salute”.

Tantissime le Associazioni presenti, che fanno parte della Rete dei Petali del Cuore, ma anche rappresentanti del Privato Sociale e naturalmente i Dirigenti medici delle Unità Operative che parteciperanno alla manifestazione.

«Siamo direttamente impegnati in questa iniziativa di promozione della salute – ha dichiarato il dr. Salvatore Lombardo, direttore amministrativo dell’Asp di Ragusa aprendo i lavori.
«Il Piano nazionale della salute, si propone, attraverso la messa a punto di piani e programmi, di raggiungere l’obiettivo di prevenire patologie affermando una cultura dei corretti stili di vita: sana alimentazione e attività fisica. Ridurre, quindi, il carico prevenibile ed evitabile di morbosità, mortalità e disabilità delle malattie non trasmissibili. Sono coinvolte alcune Unità Operative e il relativo personale, che ringrazio per l’impegno che assicureranno, per promuovere questo percorso di salute nelle due giornate del 15 e 19 maggio.»

Il dr. Vincenzo Trapani, responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Educazione alla Salute, ha sottolineato «L’U.O.S. Educazione alla Salute e il Servizio di Medicina dello Sport, responsabile dr. Gaetano Iachelli, intervengono in programmi di educazione sanitaria, motoria e sportiva, con la finalità di promuovere la cultura dell’attività fisica e sportiva, valorizzare l’educazione al movimento e all’utilizzo positivo del tempo libero, favorire la crescita e la maturazione globale dell’individuo e l’acquisizione di stili di vita sani, anche attraverso una sana e corretta alimentazione. In questo contesto si inserisce anche l’educazione ad uno sport “sano” favorendo una alimentazione equilibrata ed adeguata, evitando il ricorso ad un uso improprio di sostanze ergogeniche e soprattutto dopanti. Infatti, in questa manifestazione sarà presente anche il Ser.T.»

«La Festa della Salute, alla sua terza edizione, rappresenta una realtà di collaborazione tra le Istituzioni, il mondo del Volontariato e del Privato sociale, che riesce a realizzare progetti interessanti per affermare una cultura di promozione della salute – ha affermato il presidente della Rete “I Petali del Cuore”, che registra l’adesione di quattordici Associazioni di Volontariato.
Rete che ha già sottoscritto diversi Protocolli di Intesa con l’ASP di Ragusa. Un percorso di salute che si articola in numerose postazioni, dove sarà possibile effettuare screening, visite e informazioni. Cartella d’ingresso, controllo pressione arteriosa, visus- spirometria, glicemia, colesterolemia/hdl, controllo rachide, Bmi scheda nutrizionale, controllo vaccinazioni, controllo piede diabetico, otoscopia/esame audiometrico, Ecg, prevenzione varicocele e infine la DIAGNOSI che sarà annotata su una scheda, realizzata dal dr. Claudio Pace del Dipartimento di prevenzione, a cura dei dottori Gaetano Iachelli e Emanuele Bocchieri.

Presenti anche gli Stand delle Associazioni: AIC, AIL, LILT, AIAD, CERIANTO SUB, CI SIAMO, CI RIDIAMO SU’, PRONTO SOCCORSO RG, NAOS, GLI AQUILONI, SPIRITUALITA’, PASTORALE DELLA SALUTE, UNITI SENZA FRONTIERE, OLTRE L’OSTACOLO e Adra.

Il progetto si avvarrà della collaborazione del dott. Giovanni Noto, Direttore del U.O.C. Pronto Soccorso Ospedale Civile di Ragusa e del dott. Francesco Curto, Direttore U.O.C. Urologia e del dr. Francesco Blangiardi Direttore Dipartimento Medico di Prevenzione.

Nell’open day ci saranno degustazioni con prodotti offerti dal Coldiretti e da alcuni esercizi commerciali.
Le MCNT (Malattie Croniche Non Trasmissibili) rappresentano in Europa attualmente l’86% delle cause di morte ed il 76% di perdita di anni di vita in buona salute (dati OMS). Fra le cause del determinismo di tali patologie rileviamo i quattro principali fattori di rischio: abuso di alcol, tabagismo, non corretta alimentazione e non adeguata attività fisica.

Il PSN 2014-17, recepito dalla nostra ASP, stabilisce obiettivi prioritari per il perseguimento di corretti stili di vita in tutta la popolazione, soprattutto in campo di corretta alimentazione ed di adeguata attività fisica, con particolare attenzione alle fasce di età giovanile e della terza età.

Ultimi Articoli