Colpevole disattenzione degli uffici comunali per le norme a favore dei disabili

Troppe le barriere architettoniche che stentano ad essere eliminate, troppo poche le denunce delle associazioni interessate che, in molti casi, sembrano prediligere i buoni rapporti con gli amministratori piuttosto che dedicarsi alla denuncia severa di tutto ciò che non va.
Tutto è affidato a isolate segnalazioni, dall’esito ignoto, dall’ufficio tecnico del comune trapela che, di recente, pare, sono state riscontrate irregolarità in alcuni locali pubblici di Marina di Ragusa, almeno 9 i locali incriminati, ma il dirigente ha preferito conservare tutto in un cassetto e non procedere.
Per restare agli uffici pubblici e ai locali pubblici, l’accessibilità, in molti casi, è un’utopia, affidata spesso a procedure che, in qualche caso, fanno sperare che arrivi prima il miracolo della guarigione, vedi, per esempio, l’accesso agli uffici della Camera di Commercio, tanto per citarne una.
Se compromessi e adattamenti sono previsti per il superamento di vecchie barriere architettoniche, non è ammissibile che realizzazioni recenti, nuove, non rispettino le norme.

La consigliera Manuela Nicita segnala che la rampa di accesso per disabili alla Chiesa dei Cappuccini, di recente realizzata nel contesto dei lavori di riqualificazione della omonima piazza, non sarebbe a norma superando la pendenza dell’8 % prevista dalla legge.
Se fosse verificata l’irregolarità della rampa, sarebbe un fatto grave, segnale dell’indifferenza dei progettisti, dei tecnici e dei controllori verso le problematiche dei diversamente abili.
Sarebbe opportuno che l’assessorato verificasse attentamente quanto segnalato e adottasse i provvedimenti del caso, oltre ad attivare una serie di efficaci controlli, fornendo, nel contempo, per trasparenza, l’elenco dei locali controllati, e quali le irregolarità eventualmente riscontrate.
Non ci si può esimere dal notare come l’argomento, purtroppo, sia poco considerato anche nei mirabolanti programmi dei candidati alla carica di sindaco.

Ultimi Articoli