Il gruppo 5 Stelle all’accattonaggio politico-comunicazionale per rivolgere critiche al sindaco Cassì

I componenti del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle hanno esaurito gli argomenti per fare opposizione alla amministrazione Cassì e segnatamente al primo cittadino.
Lo si deduce dal fatto che si attaccano ad una segnalazione sui social per evidenziare le criticità in fatto di turismo.

Lo spunto è dato dal video del sindaco Cassì che ha voluto promozionare il collegamento in treno fra la stazione di Ragusa e il Castello di Donnafugata.
Un servizio funzionale ed efficiente, secondo il primo cittadino, non tale secondo una turista che non ha trovato come fare il biglietto, neanche nella macchinetta elettronica, e sarebbe stata trattata male dal personale del treno in transito verso Donnafugata, che, naturalmente, non ha potuto prendere.
I 5 Stelle del gruppo consiliare al Comune di Ragusa non ci pensano due volte a prendere per buono quanto asserisce la turista sui social e sollecitano il Sindaco a richiedere alle Ferrovie servizi migliori.
Rilevano come, secondo quanto riportato dalla turista, gli sportelli per i biglietti fossero chiusi. Come la macchinetta per i biglietti non fosse funzionante, come il personale del treno non abbia fornito nemmeno risposte.
In linea di principio, la denuncia dei 5 Stelle è ineccepibile, soprattutto di fronte all’invito del sindaco di servizio del trasporto ferroviario, bene fanno i consiglieri del gruppo ad esigere i servizi minimi, e si deve dire che la reprimenda nei confronti del primo cittadino non è nemmeno severa.
Del resto, i pentastellati sanno che la stazioni di Ragusa è in totale abbandono da anni, gli sportelli sono perennemente chiusi, chiuse sono le sale d’aspetto, i gabinetti, non c’è un punto ristoro, condizioni da terzo mondo riscontrate, proprio nella serata di sabato, quando è arrivato a Ragusa Cancelleri, proveniente da Agrigento, dopo 7 ore di viaggio.
Se i 5 Stelle fossero ancora partito di lotta e non delle poltrone di governo, assumerebbero ben altri atteggiamenti nei confronti degli assessori regionali competenti e dovrebbero esigere provvedimenti precisi da parte dei Ministri del Movimento 5 Stelle.
Purtroppo, proprio in fatto di turismo, l’opposizione 5 Stelle al Comune di Ragusa, mostra enormi limti di competenze specifiche e, per taluni aspetti, sembra che il turismo sia strumentale a curare interessi di qualcuno in particolare, ma di questo avremo modo di parlare quanto prima.
Risposte dovrebbero arrivare dal Ministro Toninelli per le ferrovie e per le situazioni incresciose descritte, come pure per la Ragusa – Catania, risposte dovrebbero arrivare dalla Ministra Trenta per il MUOS che non doveva essere nemmeno messo in funzione, risposte e interventi precisi dovrebbero arrivare dal ministro dell’Ambiente Costa per le circostanziate denunce dell’on.le Stefania Campo per le condizioni scandalose della spiaggia dei Macconi, risposte dovrebbero arrivare dalla Ministra Grillo per le situazioni comiche degli ospedali iblei che chiudono un reparto di chirurgia per mancanza di personale.
Certo, la città e il suo sindaco non fanno una bella figura per colpa degli attuali e dei passati governanti, siciliani e nazionali che hanno relegato la nostra provincia a periferia abbandonata, ma ci sarebbero argomenti e questioni che, proprio da politici a 5 Stelle, vorremmo fossero sollevate, in maniera veemente.
Siamo certi che dopo la denuncia al Sindaco, le istanze citate saranno avanzate al Ministro Toninelli, a Ragusa nei prossimi giorni, per avere, almeno dopo Ferragosto, ma prima della fine delle vacanze estive, la riapertura della stazione di Ragusa, con sale d’aspetto climatizzate, biglietterie allo sportello ed elettroniche, bagni aperti, funzionanti e puliti, personale adeguatamente formato per assistere l’utenza.
In fondo, cose assai semplici per il Ministro competente che, di certo, saprà rispondere alle istanze che non sono solo dei grillini locali.

Ultimi Articoli