Il lavoro ‘sotterraneo’ dell’assessore Giuffrida nel 2019

Riservato, sfugge quasi sempre alla luce dei riflettori ma risulta uno degli assessori più impegnati, per un lavoro che soffre, prima di tutto l’esigenza certa di ingenti fondi, senza i quali non si può dare avvio ai progetti, ma soprattutto, più di ogni altro assessorato, le enormi lungaggini della burocrazia.
In particolare, l’assessore Gianni Giuffrida soffre i gravi ritardi, dovuti a motivi vari, per la revisione del Piano Regolatore Generale e per il Piano Particolareggiato dei centri storici, strumenti da più parti agognati ma che tardano ad arrivare.

Suoi campi l’EDILIZIA PRIVATA, nel quale ha coordinato il completamento processo telematico SISTEMA URBIX per la gestione completa di tutte le pratiche relative alle attività produttive sul territorio.
Si è occupato anche del REGOLAMENTO PER GARANTIRE L’ACCESSIBILITÀ e la fruizione dei luoghi pubblici e aperti al pubblico alle persone con disabilità, nonché della DIRETTIVA SUI SOTTOTETTI che regolamenta il calcolo delle altezze minime e massime.

Per l’URBANISTICA, è stato approvato il PUDM (Piano urbano demanio marittimo), lo strumento che fissa tutela e usi delle nostre coste. Era in elaborazione dal 2010.
Approvato in Giunta dello schema di massima del PIANO REGOLATORE per la concertazione. Espletato inoltre il bando di supporto al RUP per due tecnici che permetteranno di costituire un ufficio dedicato alla redazione del PIANO PARTICOLAREGGIATO.
Approvati anche la VARIANTE AREE PEEP ED EX PARCO AGRICOLO URBANO con obbligo della redazione dei piani di zona e il Regolamento per affrancazione alloggi di EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA.
Acquisita l’area dell’ex Scalo Merci della stazione ferroviaria. Nel 2020 prenderanno avvio la progettazione dell’area e quella delle sue funzioni.

Il settore dei LAVORI PUBBLICI ha visto protagonista la MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI con un appalto da 1.000.000 di euro: fra le strade principali interessate, o che saranno interessate, dagli interventi, via Achille Grandi, via Leone (centro comm. Ibleo), via Leonardo da Vinci, via Galvani, via Garibaldi, viale dei Platani, via Carrubbelle, via E.C. Lupis, via Costituzione, via La Pira, via Portovenere, via Carducci, via Fieramosca, viale delle Americhe, via Aldo Moro, via O.M. Corbino, via Dublino, via delle Acacie, via Falcone, via Togliatti, rotatoria viale Europa – via del Plebiscito.

In corso di espletamento le gare per la rotatoria di Cisternazzi e per il completamento dell’area di piazza Stazione e del Monumento ai Caduti, per un totale complessivo di oltre un milione di euro
Altra gara in corso di espletamento quella relativa al progetto di realizzazione di condotta dedicata per l’approvvigionamento del potabilizzatore in contrada Camemi.
È stato realizzato il nuovo collettore per le docce di Marina di Ragusa, tutte sostituite con nuovi impianti.
È stato finalmente completata la pista di pattinaggio con annesso impianto di skateboard
Si è proceduto anche ai Lavori di riqualificazione energetica negli impianti di PUBBLICA ILLUMINAZIONE comunali – 2° stralcio funzionale, per un importo di 1.800.000€.

In attesa del decreto di finanziamento della Regione Siciliana, è stato avviato il progetto esecutivo per parcheggio di piazza Padre Pio per un importo di 592.000 euro.
Approntato il progetto definitivo di nuova conduttura idrica e fognaria per la frazione di Punta Braccetto e quello di messa in sicurezza della pista ciclabile, In attesa del decreto di finanziamento per 90.000 euro.

In attesa graduatoria di finanziamento anche il progetto esecutivo per la riqualificazione e la fruizione sostenibile del PARCO COSTIERO DEI CANALOTTI, importo complessivo 1.700.000 euro, in attesa del decreto il progetto pilota per il recupero dei sentieri e percorsi con muri a secco e la fruizione di beni territoriali diffusi con ottenimento di finanziamento regionale di 5.000.000 euro.
Finanziato, invece, il lavoro per la ristrutturazione del TEATRO TENDA per 231.000 euro.

Sulla parte iniziale di via Archimede, dove confluiscono le acque piovane di via Di Vittorio, è stato operato un intervento di deflusso delle acque piovane su via Risorgimento attraverso il recupero di un canale sotto la linea ferroviaria: alle prossime piogge abbondanti si capirà se l’intervento sarà stato sufficiente o se occorre un intervento più importante, che è, comunque, in progettazione.

Ultimi Articoli