La CNA di Ragusa usa un eufemismo per valutare la scelta dell’assessore allo sviluppo economico sui locali di via del Mercato

Locali di via del Mercato a Ragusa Ibla, la Cna: “Estemporaneo l’affidamento in locazione. Serve trovare una soluzione definitiva”

Decisamente negativo il giudizio dei vertici della CNA locale sulle scelte dell’assessorato allo sviluppo economico, guidato dall’assessore Licitra. Una valutazione severa, di una delle più importanti associazioni datoriali del territorio, che fa seguito ad altre mancate condivisioni sulle decisioni di questo ramo dell’amministrazione Cassì.
Dissenso sulle scelte che si aggiunge ad altre considerazioni negative che arrivano da più parti, anche a microfoni spenti, perché, come dice qualcuno, non si vuole ‘sparare sulla Croce Rossa’.
L’utilizzo del termine ‘estemporaneo’ potrebbe sembrare tenero, ma, in effetti, significa che la decisione è considerata presa senza preparazione, in maniera improvvisata, il che, in un settore, oggi, così delicato, sarebbe molto grave.

“Anche quest’anno abbiamo appreso dai mezzi di informazione che i locali di via del Mercato, a Ibla, risultano essere oggetto di affidamento in locazione, da parte del Comune, a nostro parere in maniera estemporanea”. Così si esprime in una nota la Cna comunale di Ragusa, dopo la comunicazione diffusa dall’ente di palazzo dell’Aquila di procedere lungo questa direzione, così come, d’altronde, era accaduto nel 2018.
La Cna, da sempre, ha rivolto delle pressanti sollecitazioni alle varie amministrazioni comunali che si sono succedute, compresa quella in carica, per la definizione di un progetto più ampio e per una definitiva valorizzazione e messa in funzione dei locali stessi.
“Il fatto che i locali siano annualmente richiesti e, di conseguenza, affidati – afferma la responsabile della Cna comunale, Antonella Caldarera – è il sintomo più evidente di una sicura funzionalità dell’area che potrebbe vedere rivivere l’antico quartiere della città con l’attivazione di tutta una serie di attività commerciali e artigianali.
Il nostro auspicio è dunque far sì che si possa procedere lungo la direzione di un progetto molto più ampio e duraturo”.

Il presidente della Cna comunale di Ragusa, Santi Tiralosi, aggiunge: “Confidiamo sul fatto che, una volta per tutte, l’Amministrazione comunale ci ascolti. Siamo disponibili ad avanzare proposte concrete, così come abbiamo sempre detto, per far sì che il sito possa essere il più possibile apprezzato e valorizzato, così come merita”.

E il responsabile territoriale Cna Commercio e Turismo, Alessandro Di Martino, pone l’attenzione su un’altra questione irrisolta, quella dei locali inutilizzati di Carmine Putie, quelli sovrastanti al parcheggio pluripiano del Tribunale, che anche questa amministrazione non riesce a valorizzare come dovrebbe.
E anche per questa questione, dove si evince che non si trovano soluzioni e non ci sono idee concrete, Di Martino si propone, come associazione di categoria, per un confronto propositivo per riuscire a trovare le soluzioni più adatte.

Ultimi Articoli