La Conferenza dei sindaci affronta il problema delle criticità dei Pronto Soccorso della provincia

Era stato il Sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, fra l’altro Direttore della Struttura Complessa Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’urgenza (Pronto Soccorso) dell’Ospedale ‘Maggiore’ di Modica, a segnalare le attese troppo lunghe nei Pronto Soccorso, chiedendo la convocazione della Conferenza dei Sindaci.
Nella nota inviata al Presidente della Conferenza dei Sindaci della Provincia di Ragusa Avv. Giuseppe Cassì – Sindaco di Ragusa, Ammatuna aveva scritto:
“I lunghi tempi di attesa nei tre Pronto Soccorso della provincia non possono non preoccupare, perché il servizio di emergenza-urgenza è il pilastro fondamentale della sanità.
La grave situazione è determinata non solo dalle carenze di personale sanitario ma anche, se non soprattutto, dalla scarsa disponibilità di posti letto per acuti nelle Unità Operative dei nosocomi iblei.
Tale situazione, in questo periodo, si è ancora di più aggravata a causa della sindrome influenzale che ha colpito buona parte della popolazione della provincia.
L’indice ottimale nazionale, la media di posti letto/abitante nelle Unità Operative, è individuato nel 3per mille, quello siciliano è del 2,7/2,8 per mille, mentre quello provinciale arriva appena al 2,2 per mille
Il Commissario Straordinario dell’Asp di Ragusa si è già impegnato con una direttiva per cercare di alleviare le difficoltà esistenti, ma il suo meritorio intervento non può essere sufficiente per arrivare alla risoluzione del problema.
E’ importante, quindi, che la Conferenza dei Sindaci della provincia di Ragusa intervenga nei confronti dell’Assessore regionale alla Sanità per sollecitare l’aumento della dotazione di posti letto nelle Unità Operative per acuti della provincia.”

Le criticità segnalate, peraltro note, sono state affrontate nel corso della Conferenza dei Sindaci appositamente convocata, lunedì 28 gennaio.
Assieme al primo cittadino del capoluogo e all’assessore alla sanità di Ragusa, erano presenti i sindaci di Modica, Ispica, Chiaramonte Gulfi, Acate, Pozzallo, gli assessori competenti di Scicli e Comiso, ed il Commissario Straordinario dell’ASP 7, Angelo Aliquò.
La Conferenza dei sindaci ha preso atto delle iniziative che il Commissario ha già avviato, procedendo ad attivare posti letto di area medica utili ad aumentare l’offerta di ricovero e al tempo stesso alleggerire le richieste.
È emersa inoltre la volontà di coinvolgere le associazioni di categoria, l’Ordine dei medici, i professionisti di medicina di base al fine di migliorare il dialogo con la sanità territoriale e ospedaliera affinché si possano evitare accesi impropri ai Pronto Soccorso della provincia.
Infine, si è convenuto sulla necessità di chiedere un incontro all’Assessore regionale della Salute, Ruggero Razza per intervenire presso i Ministeri della Salute e della Economia affinché alle Aziende Sanitarie siciliane possa essere concesso l’aumento del tetto di spesa per il personale, e consequenzialmente possano essere attivati quei posti letto previsti nella rete ospedaliera.

Ultimi Articoli