La Fondazione Teatro Garibaldi di Modica ha presentato le nuove stagioni di teatro e musica

Grandi nomi e importanti collaborazioni sia nel teatro che nella musica. I nuovi cartelloni, pieni di grandi spettacoli, di attese riconferme e tante sorprese, sono stati presentati nel corso della conferenza stampa organizzata al foyer del Teatro Garibaldi di Modica.
Alla presenza del sindaco della città, nonché presidente della fondazione, Ignazio Abbate, del sovrintendente Tonino Cannata e del direttore artistico Giovanni Cutrera, del neo vicepresidente Giorgio Rizza, dell’assessore comunale alla Cultura, Maria Monisteri, sono stati annunciati tutti i nove appuntamenti della stagione di prosa e i quattordici concerti della stagione musicale
Il sovrintendente Cannata ha tenuto a ricordare come “il Teatro Garibaldi di Modica negli ultimi anni si è imposto come uno degli aggregatori culturali più attivi della provincia, richiamando ad ogni appuntamento spettatori da più parti della Sicilia, a conferma della bontà del lavoro svolto negli ultimi anni”.
Il sovrintendente ha voluto anche dedicare un pensiero ad un grande amico del teatro “Mi preme ricordare in questa circostanza la vicinanza con la famiglia del maestro Piero Guccione recentemente scomparso, la cui arte è indelebilmente unita al nostro teatro tramite il magistrale tondo del nostro soffitto che connota l’intero teatro”.

Il direttore artistico Cultrera ha invece voluto ringraziare gli spettatori “dopo la stagione dei record dell’anno scorso, in cui tutti gli appuntamenti musicali hanno ottenuto il tutto esaurito. Per la prima volta mi occuperò anche della stagione di prosa, cercando di bissare i successi passati e per questo, in piena sinergia con il sovrintendente, abbiamo puntato sui grandi nomi del panorama teatrale italiano”.
Si partirà dunque subito con la nuova stagione di prosa già protagonista il 30 novembre con la rappresentazione di “Filippo Mancuso e Don Lollo” di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale e con protagonisti gli attesissimi attori Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina.
Ma i grandi nomi non finiranno qua. Già a dicembre grande attesa per “La Locandiera” con Amanda Sandrelli e a seguire “Love letters” con Carla Cassola e Andrea Tidona e a gennaio spazio a “Viktor und Viktoria” con la bravissima Veronica Pivetti.
Come anticipato non mancheranno le rappresentazioni curate da grandi compagnie non solo siciliane. A febbraio ci sarà “Casalinghi disperati” con la regia di Diego Ruiz (in scena tra gli altri Nicola Pistoia) e poi la Compagnia del Teatro Pirandello di Agrigento rappresenterà l’opera “Luna Pazza” di Gaetano Aronica.
A marzo “Il pomo della discordia” con Carlo Buccirosso e Maria Nazionale mentre il 19 marzo la famosa Compagnia di Teatro di Luca De Filippo porterà in scena un’opera del compianto Edoardo De Filippo “Questi Fantasmi”.
Si chiuderà con “Il figlio maschio” con il ritorno di un grande amico del teatro modicano, ovvero Miko Magistro in scena con Carmela Buffa Calleo e Massimo Leggio.

Tanti spettacoli pure per la stagione musicale che inizierà il primo giorno del nuovo anno con il consueto “Concerto di Capodanno” a cura della Civica Fisarmonica di Modica e con le musiche di Strauss, Rossini, Verdi e Di Capua su tutti.
L’offerta della stagione musicale si snoderà con almeno un concerto ogni mese, escluso il periodo estivo, fino a dicembre 2019.
Tanti gli appuntamenti in programma, che vedono nomi di livello nazionale e internazionale.
Si inizia con lo spettacolo “Save the cotton’s” con Raimondo Todaro e poi due appuntamenti che rientrano nella collaborazione con il Teatro Bellini, con il coro per “Mozart Requiem” e lo spettacolo dedicato a “Beethoven” con l’orchestra che sarà diretta dal maestro austriaco Gunter Neuhold.
Grande attesa per la commedia musicale, che ha ottenuto grandi successi a livello internazionale “I promessi sposi – amore e provvidenza” con la regia di Alessandro Incognito e Gisella Calì.
Il 14 aprile “Mario Incudine ‘Mimì’” con la regia di Moni Ovadia e Giuseppe Cutino.
E poi il ritorno della grande opera lirica con “Macbeth” di Giuseppe Verdi con la regia di Ezio Donato il 26 aprile e “Norma” di Vincenzo Bellini il 18 ottobre con la regia a cura di Antonino Interisano e l’allestimento, in entrambi i casi, da parte della stessa Fondazione Teatro Garibaldi di Modica.
Ci sarà anche il “Gran ballo dell’800” con la compagnia nazionale di danza storica diretta da Nino Graziano Luca, ed ancora “Homages” con i giovani talenti del liceo musicale di Modica, ed ancora “Cantu e Cuntu” dedicato a Rosa Balistreri, con Rita Botto e la Banda di Avola.
Infine, si guarda al jazz con “Gershwin e le Americhe dell’era swing” con special guest Rosalba Bentivoglio e “Music Around The World in 80 days” con la banda sinfonica del Mediterraneo.

Questi i due cartelloni principali a cui si aggiungono altre sezioni della programmazione della Fondazione Teatro Garibaldi come il “Progetto Scuola” dedicato agli studenti che vedranno gli spettacoli la mattina, ed ancora il “Teatro per le famiglie” con, tra i vari appuntamenti, anche “Hook – capitan Uncino” con la compagnia Il cuore d’argante, ed infine la sezione dedicata al teatro amatoriale.
Ci saranno comunque anche diversi spettacoli e concerti fuori abbonamento.
Ogni informazione e tutti i dettagli sul sito web www.fondazioneteatrogaribaldi.com

Ultimi Articoli