La La Land di Damien Chazelle per la Rassegna “Orizzonti” – Cinema d’autore

Con il musical “La La Land” di Damien Chazelle inizia il percorso cinematografico d’autore “Orizzonti”, organizzato dall’Ufficio Cultura della Diocesi di Ragusa, in collaborazione con gli Uffici diocesani di Comunicazioni sociali, Pastorale giovanile e Pastorale familiare.
L’appuntamento è per lunedì 5 febbraio alle ore 19.30 presso il Cinema Lumiére di Ragusa.
Quest’anno continua ad essere approfondito il tema Accompagnare, Discernere e Integrare la fragilità delle famiglie, invito tratto dall’esortazione apostolica “Amoris Laetitia” di Papa Francesco che l’equipe dell’Ufficio ha voluto cogliere, per l’anno pastorale 2017-18, al fine di suscitare confronti e condivisioni sulle relazioni umane sotto tutti gli aspetti, dalla dimensione affettiva a quella sociale, da quella interiore a quella morale, promuovendo nuovi possibili stili di vita. La ricerca della pace e del perdono, del senso dell’accoglienza incondizionata, del progetto condiviso, stanno infatti alla base di valori familiari; i quali spesso, messi continuamente alla prova, vengono travisati da una certa “modernità” e talvolta calpestati dalla scelta di azioni più comode e dispersive. Particolare attenzione verrà posta al mondo giovanile, con le sue risorse e i suoi punti critici.
Il film. Ci troviamo a Los Angeles, dove Mia sogna di poter recitare ma intanto, mentre passa da un provino all’altro, serve caffè e cappuccini alle star. Sebastian è invece un musicista jazz che si guadagna da vivere suonando nei piano bar ove nessuno si interessa a ciò che propone. I due si scontrano e si incontrano fino a quando nasce un rapporto che è cementato anche dalla comune volontà di realizzare i propri sogni e quindi dal sostegno reciproco. Il successo arriverà ma, insieme ad esso, gli ostacoli che porrà sul percorso della loro relazione…
La proiezione è preceduta da una presentazione per meglio entrare nel linguaggio cinematografico e nei contenuti che verranno condivisi al termine della proiezione, come stile dell’Ufficio, con interventi da parte di esperti per discutere sugli elementi della tragedia greca, sugli archetipi junghiani e sugli aspetti più cinematografici, da quanti, giovani e adulti, vogliano esprimere liberamente proprie riflessioni, questioni ed esperienze.

Ultimi Articoli