La notizia, cespugli ed erbacce a Marina o il ritorno di La Porta in Territorio ?

Nei giorni scorsi, l’on.le Nello Dipasquale aveva visitato una casa dove era allestita una tradizionale ‘Cena’ di San Giuseppe: l’immancabile foto di rito, per i social, faceva vedere che, in compagnia dell’onorevole c’era anche Angelo La Porta, un ex consigliere comunale, una volta dell’UDC di Giovanni Cosentini, poi passato nel movimento dell’on.le DiPasquale ed eletto alle comunali del 2013 con 747 voti nella Lista di Territorio.
Quando Maurizio Tumino aggregava il gruppo consiliare di INSIEME, con Giorgio Mirabella, Giuseppe Lo Destro, Elisa Marino, anche Angelo la Porta passava nel gruppo INSIEME.
Alle ultime elezioni comunali, i quattro sostengono Maurizio Tumino candidato a Sindaco ma sbagliano strategia: invece di fare un a lista fortissima e misurarsi anche a rischio di non conquistare quattro seggi, diluiscono le candidature: non ce la fa Maurizio Tumino, nemmeno per arrivare al ballottaggio, non ce la fanno neanche Giuseppe Lo Destro, Lista Ragusa Creativa, nonostante i suoi 576 voti personali, Elisa Marino, Lista INSIEME, con un bottino di 401 voti, non ce la fa Angelo La Porta, Lista Maurizio Tumino Sindaco, pur raccogliendo 627 voti. Solo la Lista INSIEME supera il 5 % e conquista un seggio.
Eletto Giorgio Mirabella, con 480 voti. Tutti comunque al di sotto delle aspettative, per numero di voti: per cinque anni, il gruppo era considerato quello che con la migliore base di voti.
Da giugno 2018, non si sono avute più notizie dei singoli, solo Lo Destro aveva diramato qualche comunicato, nessuna notizia di La Porta e della Marino, ma nessuno aveva pensato ad una defezione dei due, si pensava solo che si fossero defilati dopo la delusione e che avrebbero voluto godere di un periodo di disintossicazione dalla politica attiva.
Si pensava che eventuali defezioni dal gruppo sarebbero state comunicate, da entrambe le parti.
Invece, la foto di la Porta con il suo vecchio leader ha fatto scattare l’attenzione e c’erano state le prime ammissioni sull’allontanamento da INSIEME.
Oggi, 23 marzo 2019, un comunicato stampa di Angelo La Porta, che lo invia da una sua mail personale e firma per il Movimento Territorio.
È una segnalazione per cespugli ed erbacce a Marina di Ragusa, inviata in vista della Festa di San Giuseppe che, a Marina di Ragusa, viene celebrata in maniera particolare.
Un comunicato stampa inviato solo ad alcuni giornali, non a tutti, corredato da ben 29 foto che riprendono angoli di Marina con qualche cespuglio, un revival dei comunicati stampa che La Porta inviava a profusione, durante i cinque anni di amministrazione grillina, quegli stessi comunicati pervasi da opposizioni strumentale esagerata a tal punto che non ha ripagato, per nulla, gli allora consiglieri comunali.
Ma la notizia non sono i ciuffi d’erba, nel la situazione di degrado che La Porta dice persisterebbe da giugno scorso a Marina di Ragusa.
La notizia, dal momento che La Porta si autodefinisce esponente del Movimento creato dal suo nemico giurato, Nello Dipasquale, è il passaggio in Territorio, ancora vicino al parlamentare.
A suo tempo, La Porta gridava che mai avrebbe avuto a che fare con Dipasquale, quando addirittura, dopo le dimissioni d Giovanni Iacono, il gruppo INSIEME appoggiò l’elezione di Antonio Tringali, con il sostegno di due consiglieri del PD che si vantavano di aver inviato foto della scheda al loro leader per comprovare il voto al candidato del Movimento 5 Stelle, pare che La Porta si sganciò dal gruppo, nel dubbio che ci fossero veramente indicazioni dell’onorevole.
Fantapolitica che qualcuno descrive come realtà, in questo genere di avvenimenti non si possono avere certezze, né prove, ma ci sono autorevoli personaggi che non sbagliano quando descrivono particolari di questo genere.
Ma nella vita tutto muta, un salto mortale all’indietro e La Porta torna alla vecchia casa, per ora alla porta accanto, perché passare dall’area di centro destra a quella del PD può destare sconcerto, ma si è visto come i leader di Territorio, Michele Tasca ed Emanuele Distefano sono vicini al PD, intervenendo anche a manifestazioni, eventi e occasioni particolari.
Tutt’al più ci sarà da vedere come sarà la convivenza fra La Porta e gli attuali leader di Territorio, ma nel PD sono abituati a gestire situazioni ben più difficili.
Ma, pur esprimendo ampie critiche nei confronti de Sindaco Cassì e dell’assessore Iacono, nonostante la vicinanza con il PD, La Porta tradisce la sua origine ‘cattolica’ di vecchio democristiano, e spera nel miracolo che faccia scomparire l’erbetta prima della processione di San Giuseppe.
Chissà che un giorno non avvenga il miracolo e La Porta non torni nel centro destra, magari alleato di Cassì che, per ora, quanto ad attenzioni delle opposizioni, è al centro di tutti i possibili ‘salti della quaglia’.

Ultimi Articoli