Le opere di Festiwall 2016

Per l’edizione 2016 si conferma la formula che lega cinque artisti a cinque muri, disseminando gli interventi in un’area ben definita di Ragusa. Il quartiere, denominato comunemente “Selvaggio”, è una area che ospita diverse strutture sportive della città ma dove ancora è forte la frattura generata dall’edilizia popolare.
L’area è stata interessata negli anni ‘80 da un’intensa attività di costruzione che ha disegnato un discutibile scenario urbano costellato da grandi edifici residenziali. La cosiddetta E. R. P. (Edilizia Residenziale Pubblica) è stata per anni sinonimo di “degrado urbano” ed esempio di periferia poco utilizzata negli eventi della città.
Gli artisti, Agostino Iacurci, unico italiano del gruppo, dallo stile geometrico e inconfondibile; la spagnola Hyuro con le sue opere di forte impegno sociale; il tedesco SatOne, voce autorevole del “”Graffuturismo Europeo”; l’onirico australiano Fintan Magee, capace di fondere sogno e realtà; e infine, per la prima volta in Italia, Evoca1, uno dei massimi esponenti del figurativo iperrealista.
I grandi vasi dipinti da Agostino Iacurci sulla facciata del palazzo di via Anfuso e la coloratissima opera astratta realizzata dal tedesco SatOne sulla parete principale del grande quartiere generale della manifestazione, sito in via Berlinguer, spiccano nel panorama del popolare quartiere Selvaggio, fino a quel momento dominato dal grigio del cemento.
La spagnola Hyuro dedica la sua opera a Maria Occhipinti e al movimento “Non si parte”, lo statunitense Evoca1, con la partecipazione a Ragusa aggiunge per la prima volta una tappa italiana al novero delle opere da lui realizzate., entrambi in via Caronia.
Evoca 1 spicca con la sua opera, tinteggiata in magistrale chiaroscuro, esprime i pericoli che chi ama è disposto a correre. La fiducia bambina aspetta la freccia che centri la mela posta sul suo capo, e senza timore si prepara offrire altri bersagli, che paziente tiene tra le mani.
In via Berlinguer, l’opera che si affaccia sull’area del mercato settimanale, dell’australiano Fintan Magee, “Il giardiniere”.

Articolo Precedente

Le opere di Festiwall 2015

Articolo Successivo

Le opere di Festiwall 2017

Ultimi Articoli