Mancavano quelli di Armao e di Mallia, ma non si è notato

C’era attesa per la presentazione delle liste a sostegno di Sonia Migliore, candidata a Sindaco della città, era il primo appuntamento elettorale dopo la scelta di Miccichè di indicare Tumino come candidato di Forza Italia e della coalizione di centro destra, scelta che, come è noto, ha provocato il ritiro dell’appoggio a Sonia Migliore da parte di Salvo Mallia e dell’Unione dei Siciliani, il movimento politico di Gaetano Armao e Rino Piscitello, tutti richiamati all’ordine di partito e di coalizione.
La convention di Sonia Migliore è stata organizzata al Teatro Tenda di Ragusa, così come quella del candidato Giorgio Massari, il giorno precedente, in una struttura dove, a differenza di piazze e locali pubblici, è facile fare la conta dei presenti, almeno in relazione ai posti disponibili.
Riempire un locale di 1.200 posti non è semplice, ci è riuscito, in buona parte, Giorgio Massari, ha raggiunto il tutto esaurito Sonia Migliore che, come si dice in gergo, ha riempito ogni ordine di posti con una cinquantina di persone che hanno assistito in piedi alla manifestazione elettorale.
Ormai, non si ragiona in termini di contenuti politici dell’incontro, meno che mai in termini di qualificazione dell’uditorio o del prestigio dei personaggi chiamati a intervenire dal palco elettorale.
Occorre fare numero per dare l’idea del consenso che si raccoglie e per stabilire le distanze con gli avversari.
Non è sempre un metro di misura efficace di quello che saranno i risultati, ma la gente ci crede.

Il primo dato che emerge, dalla serata organizzata da Sonia Migliore, è quello che la mancanza del sostegno di Forza Italia e della coalizione di centro destra, almeno per ora, non si è avvertita per nulla.
Chiamati sul palco – di eccellenza la conduzione professionale della serata affidata a Sergio Randazzo – i componenti delle cinque liste che saranno a supporto della candidata, compresa quella del Laboratorio politico 2.0, la formazione civica di Sonia Migliore
Un bagno di folla e di entusiasmo per la candidata che ha voluto sottolineare la cifra politica del suo impegno per la città che mira a portare a Palazzo dell’Aquila un governo del popolo, dei cittadini, non dei partiti e meno che mai degli onorevoli e dei dirigenti di partito.
Chiaro il riferimento ai fatti degli ultimi giorni e alle indicazioni di Miccichè che ha liquidato con poche ma efficaci parole: “le tensioni politiche delle ultime settimane sono il prezzo per la libertà, alla quale noi non rinunciamo. Sono fiera e orgogliosa di stare solo con voi, di stare da questa parte della città, dove ci sono più persone che personaggi, dalla parte opposta lasciamo quelli che ricevono gli ordini dall’alto e che si allineano come soldatini quando il capo parla.
Dedico questa serata a chi da Palermo pensa di poter decidere sulla nostra città. Noi non riceviamo ordini, né da Palermo né da Roma. Le banderuole al vento le lasciamo agli altri, a chi propone di tutto e di più per poter vincere: ma la vittoria non è mai il risultato di una mera operazione aritmetica.
Servono qualità, principi, coerenza e valori che noi possediamo e ci mettiamo la faccia perché non siamo interessati al potere, ma sogniamo solo di poter governare Ragusa per renderla un posto migliore soprattutto per i nostri figli”.
Questo l’unico messaggio politico, forte, lanciato d Sonia Migliore, in una serata eminentemente dedicata
alla presentazione dei candidati al civico consesso.
La Migliore si è soffermata solo sulla necessità di far crescere la città da un punto di vista economico, sociale e culturale, rimarcando l’esigenza di trovare una soluzione alla dilagante emigrazione dei giovani ragusani per trovare lavoro
In chiusura della serata, presentati alla vasta platea due assessori designati: l’ing. Saro Tomasi e la dr.ssa Chiara Tumino, rispettivamente indicati per “Urbanistica e Lavori Pubblici” e “Servizi Sociali e Istruzione”.

E’ chiaro che c’è attesa per i prossimi incontri elettorali, su dove si svolgeranno, quale sarà l’afflusso di simpatizzanti e di cittadini interessati alla politica, non importa cosa diranno i candidati, occorrerà riempire piazze e locali, intasare di auto i parcheggi e le strade adiacenti, occorrerà verificare gli spostamenti di gruppi e di correnti.
Cassì all’inaugurazione del comitato elettorale, Calabrese a Poggio del Sole, Massari e Migliore al Teatro Tenda hanno ‘sfondato’ con presenze assai considerevoli, chiaro che, a questo punto, le attese sono per la prima uscita di Tumino.
Un caso a parte i grillini che radunano al massimo duecento persone, ma i loro incontri sono del tutto particolari, per una delle ultime visite di Di Maio a Pozzallo il previsto incontro sulla pubblica via è finito con un caffè fra quattro amici in un bar, eppure alle votazioni i consensi, in tutta la provincia, hanno sfiorato il 50%.
Per la presentazione della lista a Ragusa, si deve anche dire che non è stata delle migliori l’idea di far intervenire il leader regionale che, appena due mesi fa, bistrattò la città con le assurde candidature per le nazionali.
Al riguardo occorre rimarcare che, degli eletti, l’on.le Lorefice era assente e che il senatore siracusano Pisani ha esordito ammettendo che ancora non aveva ringraziato gli elettori ragusani per la sua elezione.
Sarà interessante verificare se, come si percepisce, gli elettori ragusani confermeranno il consenso dilagante per i 5 Stelle.

Ultimi Articoli