Parole e dichiarazioni in libertà

Il settore dei servizi sociali è stato sempre un fiore all’occhiello del nostro Comune e nessuno può pensare che proprio quando c’è un assessore come il dott. Luigi Rabito le cose possano cambiare.
Né si può pensare altrimenti del collaboratore del sindaco per i servizi sociali, il consigliere Luca Rivillito, che non avrebbe motivo di creare tensioni all’interno degli uffici, con l’utenza, non lo permetterebbe l’assessore, non lo permetterebbe il sindaco.
Piuttosto che montare il caso, si denunci il colpevole dell’aggressione ad un dipendente comunale, in maniera da fare piena luce sulle motivazioni del gesto.
E non si dia conto alle illazioni dei consiglieri del gruppo 5 Stelle che non tralasciano di provocare con impossibili confronti fra il presente e il passato che non reggono alle evidenze.
Fino a quando non sapremo perché un utente, non si sa a quale titolo, se disagiato o parente di un disagiato, ha reagito in maniera del tutto scomposta, è inutile ogni commento.
Anche perché, come si sa da anni, il settore servizi sociali è quello più esposto alle intemperanze degli utenti, spesso, loro malgrado, ai limiti dell’esasperazione, ma per motivi che poco hanno a che fare con gli uffici.

Bene fa il consigliere Rivillito a rifiutare ogni illazione da parte dei colleghi del gruppo pentastellato, non supportate da precise accuse: il dire, “fatti del genere non si erano mai verificati prima” è chiaramente un messaggio fuorviante, anche perché non è del tutto corrispondente alla realtà, casomai veniva abilmente coperto da riservatezza, per la quale i grillini erano maestri nonostante il sempre plateale richiamo alla trasparenza.
La lettura, di Luca Rivillito, del tentativo di screditare l’attuale amministrazione o qualcuno dei suoi componenti è eccessiva nei confronti di un gruppo che, a dispetto delle vantate origini, opera nei confronti dell’amministrazione Cassì con la morbidezza di un batuffolo di cotone, considerato che si trovano nel gruppo alcuni signori che, non si sa perché, si dichiarano del Movimento 5 Stelle, nonostante le angherie perpetrate ai danni dei 5 Stelle di Ragusa, uno dei primi gruppi vincenti d’Italia del movimento, dai papaveri regionali e nazionali supportati da qualche elemento locale di poco conto.
Tenuto conto anche, come sottolinea lo stesso collaboratore del sindaco, che il capogruppo Federico si è premurata di chiarire che non si è trattato di un attacco all’amministrazione Cassi.
Del resto, chi osserva il lavoro degli assessorati si è reso conto dell’attività svolta da quello in questione, una attività che non si presta, per ovvi motivi, alla propaganda e alla pubblicità del lavoro svolto, testimone il fatto che nessuna eccezione è stata mai sollevata per il settore, che tutti sono soddisfatti, consiglieri di opposizione, utenza e anche gli organi di informazione che, evidentemente, non hanno mai ricevuto segnalazioni negative, come avviene, invece, qualche volta, per altri settori.

Ultimi Articoli