Per la feccia della città che abbandona i rifiuti in maniera incontrollata, il Comune è costretto a spendere oltre 90.000 euro per le telecamere di controllo

Il Comune si dota di un sistema di videosorveglianza per l’attività di prevenzione ed accertamento per il contrasto del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti

Con determinazione n. 1275 del 20 giugno scorso del Settore I – Affari Generali, si è stabilito di indire una procedura di gara mediante R.d O sul Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA) della Consip, per la fornitura in leasing, della durata triennale, di un sistema di videosorveglianza urbana costituito da n. 27 telecamere finalizzato all’attività di prevenzione e accertamento in materia ambientale per il contrasto di reati come l’abbandono dei rifiuti.
L’importo complessivo della fornitura in leasing delle telecamere che saranno posizionale nel centro storico di Ragusa è pari ad euro 91.256,00.
“Tali attrezzature – dichiarano il sindaco Peppe Cassì e l’assessore alla polizia municipale Ciccio Barone – consentiranno non solo al Comando della Polizia Locale ma anche alle altre Forze dell’Ordine, che saranno collegate in rete al sistema di videosorveglianza, di monitorare alcune zone del territorio.
Alle telecamere già operative se ne aggiungeranno quindi altre nuove 27 attraverso l’appalto in corso e delle altre ancora che saranno invece installate presso gli asili nido, grazie ad un finanziamento del Ministero dell’Interno”.

Ultimi Articoli