Quando l’ospedale diventa veicolo d’infezioni

di redazione

Denuncia di un consigliere comunale nonché autista dell’Azienda Sanitaria

“Da anni l’entrata principale dell’Ospedale Maggiore di Modica rappresenta un pericolo per le persone che entrano nel Padiglione A o ne escono”. Lo denuncia il consigliere comunale Antonio Modica, del gruppo “Indipendenti per Ignazio Abbate” e autista dell’Azienda sanitaria.
“In particolare, sfugge la logica che volle l’installazione di una sola porta ad apertura automatica, mentre l’altra ha un’apertura classica, dove ogni persona che entra o esce deve porre la mano sul pomello, lasciando (e trasmettendo) ognuna il proprio bagaglio di virus e batteri”.
Un’altra porta (v. foto 2, segnata da una freccia), posta a lato del Pronto Soccorso, è anch’essa ad apertura manuale e anche su di essa si posano migliaia di mani ogni giorno.
La particolare funzione della struttura, peraltro, la rende perniciosa proprio perché frequentata da gente con disparate patologie, mentre gli ingressi ai reparti, ancora oggi, non sono regolati per evitare che i bambini – pericolose fonti d’infezioni per se e per gli altri, dato che toccano tutto senza alcuna precauzione – frequentino i locali del nosocomio che non siano quelli della Pediatria.
“Sembra che esista presso ogni presidio anche una Commissione delle Infezioni Ospedaliere” – rincara la dose Antonio «Giorgio» Modica” (nella foto accanto ad una delle due porte d’ingresso al Padiglione A) -, “ma chissà se si è accorta di questo inconveniente o se l’ha fatto presente a chi dovrebbe prendere una decisione. Di certo c’è che non si ha alcuna notizia sulla soluzione (non difficilissima) di un problema che rende inutile e persino ironica ogni campagna di prevenzione di rischio d’infezioni ospedaliere o di vaccinazione per limitare il propagarsi del virus influenzale”.
L’augurio è che i responsabili raccolgano l’invito ad agire lanciato attraverso la denuncia del consigliere Modica e risolvano in breve tempo un problema non più eludibile.
(nella foto 2 panoramica del doppio ingresso al Padiglione A dell’Ospedale “Maggiore” di Modica)
 

Ultimi Articoli