Rallenta il sogno del Ragusa Calcio 1949

È bastata una partita contro un’aspirante alla promozione, il Sant’Agata Militello, per perdere l’imbattibilità, la testa solitaria della classifica e il vantaggio accumulato nelle prime nove giornate.
Il Città di Rosolini, dopo il recupero con l’Aci Catena, ha vinto a Carlentini e ha affiancato il Ragusa a 25 punti, seguono, a un punto, il Città di Sant’Agata e il Paterno, vittorioso a Giarre, a 24 punti, mentre quest’ultimo è staccato a 21 punti, seguito a 20 dal redivivo santa Croce.
Delle aspiranti al vertice, di inizio campionato, restano a metà classifica, il Palazzolo e il Real Siracusa.
Tutto da rifare, quindi, per gli uomini di Settineri che, dopo il pareggio con il Giarre, sono stati battuti dai peloritani, con un risultato che non ammette scusanti, anche se per gli azzurri bruciano due pali e u a traversa che avrebbero potuto cambiare il risultato.
La partita si è risolta nel primo tempo, al 1’ va in vantaggio la squadra ospite, al 4’ pareggia il Ragusa ma al 12’ altro gol del Città di Sant’Agata che completa la tripletta al 31’.
Poi, la squadra ospite riesce a contenere le folate degli azzurri, per tutto il secondo tempo e porta a casa il risultato.
Fra i reparti, è venuta a mancare a difesa che soccombe di fronte agli attacchi della squadra avversaria, a nulla valgono le recriminazioni per le assenze e per le condizioni di forma non buone di qualche elemento della rosa: come bene ha detto il Direttore Generale Monterosso, una sconfitta, peraltro contro una diretta rivale, ci sta, occorrerà recuperare, soprattutto mentalmente e dedicare massima attenzione già dal prossimo impegno, ancora casalingo, sabato prossimo contro il Milazzo.

Ultimi Articoli