Il sax di Michael Rosen e il ‘progetto tirato fuori dal cassetto’ di Alberto Fidone

Grande concerto a Scicli con ‘Alberto Fidone 4et feat. Michael Rosen’.
Ancora un ‘tutto esaurito’ a Lo Spettacolo del Jazz, in cui la volta delle Quam, gremita di pubblico, ha squillato del sax tenore del noto americano, della giovane tromba di Francesco Fratini, il tutto ritmato dalla batteria di Giovanni Lo Cascio.
Leader del progetto Alberto Fidone, contrabbassista d’eccellenza, il quale ha scritto dei particolari arrangiamenti per questo insolito quartetto, in cui l’assenza del pianoforte rompe la solita composizione, tra i fiati e gli strumenti che aiutano alla struttura.
Molti i pezzi suonati, per il pubblico attento e partecipe delle Quam, tra cui diversi scritti dallo stesso Michael Rosen; pezzi che hanno mostrato la grande identità del musicista, in cui il sax tenore produce particolari suoni allungati e tonali, a volte portando al limite il fiato del sassofonista.
Indispensabile, come la sapiente mano di Giovanni Lo Cascio alla Batteria, in particolare la tromba leggera e sofisticata, del giovanissimo jazzista Francesco Fratini, che ha arricchito il concerto di contrappunti, diventando a volte struttura armonica, per permettere le suggestive evoluzioni di contrabbasso e sax.
Alberto Fidone ha portato a Scicli un concerto veramente unico, un ‘progetto tirato fuori dal cassetto’, ha detto, uno di quei progetti che evidenziano la grandezza di una personalità, nella ricerca sempre viva e attenta, alla scoperta di nuove emozioni nel Jazz.
Continua così la fortunata rassegna ‘Lo Spettacolo del Jazz’, organizzata per il quinto anno da Vie Note, nome che veste la collaborazione di Tecnica Mista di Antonio Sarnari e Sicilian Beat di Alberto Fidone, che ha portato in questi cinque anni moltissimi jazzisti internazionali, inserendo Scicli tra le mete degli amanti del Jazz.
Alle Quam continua inoltre la mostra “By the Wind”, a sottolineare la levatura del matrimonio tra arte e jazz, e a fare da scenario irripetibile per gli appassionati di musica. Scenario che rende emozionante e ricca anche l’immagine della musica, come nel caso del trittico di fondo della sala, opera di Rossana Taormina, che opera con interventi pittorici su vecchie mappe nautiche; o anche le pitture striate dei paracadutisti di Federica Gisana, visitabile fino all’1° maggio.
Il prossimo appuntamento è con il mitico Al Foster, batterista di Miles Davis, venerdì 27 aprile, per la Giornata Internazionale del Jazz; data già sold out per la sessione delle 21.30, alla quale è stata aggiunta una sessione extra alle 19.30 per accogliere le tante richieste. Si consiglia dunque di prenotare prima possibile per assicurarsi gli ultimi posti per il concerto del trio “Jorge Rossy Vibes Trio feat. Al Foster”; info e prenotazioni allo 0932 931154.

Ultimi Articoli