Svolta rosa nella Giunta Comunale, presentati i nuovi assessori, Eugenia Spata e Clorinda Arezzo

L’atmosfera era quella dei giorni di festa, grande entusiasmo per l’ingresso nella giunta guidata dal Sindaco Cassì di due nuovi assessori.
Eugenia Spata e Clorinda Arezzo chiamate a dare il loro contributo di esperienze e di competenze, per un rilancio specifico dei settori loro affidati, che, come deleghe, erano stati trattenuti dal Sindaco.
Approfittando delle nuove normative, che permettono di allargare la giunta di un capoluogo fino a 9 componenti, il Sindaco ha inteso dismettere alcune deleghe per mantenere e implementare una funzione di controllo globale e di supervisione di tutta l’attività amministrativa.
Soddisfatto del lavoro dei primi 18 mesi di governo della città, ha riconosciuto l’impegno e a passione ininterrotti degli assessori di prima nomina, trova spazio, ora, alle new entry affidando deleghe importantissime, di grande responsabilità.
Eugenia Spata entra in quota Fratelli d’Italia, partito politico che ha supportato la candidatura di Cassì e ha atteso, con mirabile pazienza e atteggiamento di grande compostezza ed eleganza, per ottenere il giusto riconoscimento per l’impegno profuso.
Alla sig.ra Spata saranno affidate le deleghe di sport ed edilizia sportiva, quella alle frazioni, quindi anche periferie e contrade, in pratica tutto il territorio fuori dalla cinta urbana, e le pari opportunità che tornano ad avere un assessorato al Comune di Ragusa.
Grande vicinanza al mondo dello sport, non solo per le esperienze giovanili nella pallacanestro, ma più ancora come Presidente del Panathlon Club di Ragusa. Persona di spiccate doti morali, condivide con il primo cittadino la visione della città, l’approccio alle questioni, lo stile che contraddistingue l’amministrazione.
Già all’epoca dell’amministrazione di Mimmo Arezzo, è stata consigliere di quartiere di Marina di Ragusa, frazione alla quale è molto legata per tradizione familiare, naturalmente si occuperà, come ha sottolineato, nel corso dell’incontro con i giornalisti, con grande attenzione, anche di San Giacomo, di Punta Braccetto e delle contrade in generale, impegno che vuole dedicare per tutte le esigenze e le emergenze di chi vive fuori dalla città ma non per questo deve sentirsi emarginato o penalizzato.
Del resto, ha convenuto con il Sindaco, la Consulta di Marina, l’ufficio delegazione di San Giacomo, gli interventi al potabilizzatore di Camemi, i bus a Puntarazzi, le prossime reti idriche e fognarie a Punta Braccetto, sono già segnali evidenti di un percorso di attenzione concreta, che già esiste e deve essere mantenuta.
L’archeologa Clorinda Arezzo, presentata dal Sindaco Cassì come una profonda conoscitrice del nostro patrimonio locale, artistico-culturale, segue, da tempo, il mondo della cultura, con una visione moderna, ispirata ai più evoluti concetti di gestione dei beni culturali.
Si occuperà anche di tutto quanto riguarda il riconoscimento UNESCO e di Università per quello che attiene ai rapporti con le istituzioni universitarie
Cassì si è detto certo che lo sviluppo dell’intero comparto della Cultura potrà garantire prosperità e sviluppo a Ragusa, città d’arte con un enorme potenziale, ancora in parte inespresso, e Clorinda Arezzo saprà portare un valore aggiunto all’ “industria culturale”, per l’Ecomuseo, progetto ambizioso, e per il rilancio del Castello di Donnafugata che ha contribuito a contenere la crisi turistica sul nostro territorio.

Il Sindaco rilancia l’attività amministrativa sfruttando le due nuove collaborazioni in settori di grande importanza che, finora, hanno segnato il passo.
Ci sono grandi attese per lo sport, la promozione sportiva e le frazioni, in particolare Marina di Ragusa che richiede sempre risposte sollecite alle esigenze dei residenti e dei villeggianti, c’è la sensazione che la sig.ra Spata saprà dare l’impulso giusto in entrambi i settori, forte dell’appoggio di Cassì e della sua Giunta e di quello, non indifferente del partito di appartenenza, noto per la serietà dei comportamenti nei confronti della collettività.
Anche per Clorinda Arezzo un grande bagaglio di competenze, esperienze ma, soprattutto di amicizie, di contatti professionali e di parentele illustri che la pongono come soggetto ideale per occuparsi a 360° di cultura, in tutte le sue varie sfaccettature, e di beni culturali.
Ancora giovanissima, dovrà imporre carattere e professionalità per affermare le sue qualità indiscusse, evitando, però influenze che potrebbero derivare dai precedenti rapporti con associazioni e organizzazioni varie, sfruttando e valorizzando le esperienze esaltanti degli eventi curati con il Teatro Donnafugata, gli unici eventi di punta del panorama culturale locale, oltre a fare tesoro dell’esperienza vissuta al Museo del Duomo di San Giorgio.
Esperienze che dovrà trasferire anche per il Castello di Donnafugata e per il Museo del Costume, ormai da troppo tempo impantanati in un limbo inspiegabile.

Alla conferenza stampa di presentazione dei nuovi assessori presenti gli assessori Barone, Giuffrida e Licitra, il Presidente del Consiglio, Fabrizio Ilardo, i consiglieri comunali Bruno, Raniolo, Schininà.
Presenti anche i vertici locali di Fratelli d’Italia, con il coordinatore provinciale, avv. Sallemi, quello cittadino di Ragusa, l’avv. Sittinieri, l’avv. Sergio Arezzo e il dr. Ignazio Nicastro.
Alle scelte, il Sindaco è arrivato dopo un lavoro non indifferente di ricerca dei giusti equilibri, c’era stato anche un tentativo di un minimo rimescolamento delle deleghe, in particolare un progetto di accorpamento di cultura con turismo, ma si è preferito optare per il mantenimento di equilibri ormai consolidati.
Resta solo qualche mugugno di qualche consigliere del gruppo di maggioranza che si ritiene poco coinvolto nel processo decisionale che ha portato alle scelte definitive, si attendono poi le reazioni dei gruppi di opposizione sulle scelte operate dal primo cittadino.

Ultimi Articoli