Tempo pieno per ausiliari e contratti di collaborazione, all’ASP, fra i primi provvedimenti del Commissario

L’Ufficio Stampa dell’Azienda Sanitaria comunica i provvedimenti del Commissario, dr. Ficarra, in ordine alla trasformazione del rapporto di lavoro, per 9 ausiliari, dal part-time al tempo pieno.

Il nuovo anno porta il rapporto di lavoro a tempo pieno per 9 ausiliari che vedono il loro rapporto trasformato da part-time a full-time.
Dal 1° gennaio 2018 altri nove Ausiliari, con contratto di lavoro a tempo parziale, hanno avuto la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno.
Una lunga vicenda che grazie a questa trasformazione, voluta dal Commissario, mette un punto fermo.
Un atto deliberativo integrativo di una precedente delibera che, per l’appunto, contemplava la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno degli ausiliari dell’Asp di Ragusa.
«Stiamo percorrendo una strada che porta alla stabilità e dà dignità a questi lavoratori che potranno guardare al futuro con più certezze, tutto questo sempre nel rispetto delle modalità e dei limiti previsti dalla normativa vigente» – ha dichiarato, soddisfatto, il dr. Salvatore Lucio Ficarra.

Nuovo anno all’insegna del lavoro anche per 5 giovani, di diverse figure professionali, che hanno firmato un contratto di lavoro Co.Co.Co. – Collaborazione coordinata e continuativa della durata di 24 mesi, a partire dal 1 gennaio 2018.
Si tratta di: 1 Psicologo esperto; 1 Assistente Sociale esperto, 1 Infermiere esperto, 1 Fisioterapista esperto e 1 Assistente Amministrativo con competenze informatiche che saranno impegnati nel progetto di forte ricaduta, per la problematica affrontata: “Cure palliative e terapia del dolore – Sviluppo Centrale Operativa di Coordinamento della rete locale di Cure Palliative – Progetto obiettivo PSN 2014 di cui al DA N. 1627/15” referente il dr. Giovanni Ragusa, responsabile della Unità operativa di cure palliative”.
Le assunzioni sono state effettuate a seguito di procedura selettiva, con apposito bando pubblicato all’albo dell’Azienda, volta al conferimento degli incarichi suddetti.
La linea progettuale n° 3 “Cure palliative e terapia del dolore. Sviluppo dell’assistenza domiciliare palliativa specialistica- Realizzazione delle reti locali di cure palliative e potenziamento delle cure palliative domiciliari di base e specialistiche” è finalizzata a rafforzare il modello di organizzazione della rete locale di cure palliative creando un percorso univoco di attività e comportamenti ed obiettivi.
Infatti l’obiettivo del progetto è quello di identificare precocemente, tramite i medici curanti ed i medici ospedalieri, tutti i malati adulti e pediatrici oncologici/candidabili ad un percorso di cure palliative aziendale che garantisca la corretta fruizione di servizi adeguati allo stato di estrema fragilità in cui si trova il malato terminale.

Ultimi Articoli