Un anno di amministrazione Cassì: per Fratelli d’Italia, troppo poco per un bilancio, considerate le situazioni ereditate

Un rinnovato sostegno per il Sindaco Cassì da parte del coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, l’avv. Sergio Arezzo, che vanta il merito di aver creduto, fra i primi, nella candidatura e di averla strenuamente sostenuta, contrastando le pressioni dall’alto, anche all’interno dello stesso partito, che volevano l’appoggio al candidato della coalizione di centro destra.
Un primo anno di amministrazione Cassì che conferma, per l’avv. Arezzo, la validità della scelta operata, ma che non può essere un traguardo per stilare un vero e proprio bilancio.
Troppo poco il tempo a disposizione del nuovo sindaco per poter imporre programmi e linee progettuali, alla luce di una situazione ereditata che, in qualche caso, si è rivelata assai critica.
Il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia non può che esprimere un giudizio nettamente positivo per l’impegno che, appunto, il sindaco Cassì ha dedicato nel rilevare una amministrazione dove diverse erano, e restano, molte criticità.
Cassì ha dedicato tempo, lavoro, attenzione, sin dal suo insediamento, per quello che ha trovato: sappiamo tutti – aggiunge l’avv. Arezzo – che si può fare meglio e di più, ma anche noi, come Fratelli d’Italia, alla guida della città, non avremmo saputo fare di meglio.
L’avv. Arezzo tiene a sottolineare che sono state superate alcune incomprensioni con il primo cittadino, derivanti dalla mancata condivisione e dal mancato coinvolgimento per alcune scelte importanti, ma ci sono stati segnali probanti sulle reali intenzioni del sindaco, che vuole avvalersi della collaborazione degli esponenti di Fratelli d’Italia, secondo gli accordi intrapresi in campagna elettorale.
Cassì rappresentava, al tempo della campagna elettorale, e rappresenta ancora oggi, per la storia e le tradizioni di Fratelli d’Italia, il meglio che la politica può esprimere, per i suoi valori, per tutto quello che rappresenta come persona, come professionista, come politico.
Quello di Fratelli d’Italia è un atteggiamento responsabile, di assoluta vicinanza al sindaco, con l’attenzione rivolta, in comune, ai bisogni della città e della collettività, per i quali non ci saranno riserve per criticare sindaco e assessori nel caso non fossero tutelati questi interessi che stanno alla base delle politiche del partito
L’avv. Arezzo ci tiene a sottolineare come Cassì abbia dovuto affrontare delle problematiche, talvolta difficili, che sono derivate da contratti, accordi e appalti da altri stilati e sottoscritti dalle precedenti amministrazioni: l’appalto per la raccolta differenziata dei rifiuti, quello per il verde pubblico e, segnatamente, quello per il diserbo delle strade, quello per le ‘linee blu’, il contenzioso con la SiSosta, relativo alla gestione dei parcheggi pluripiano, le questioni relative all’anagrafe tributaria e agli accertamenti della Lamco .
Non solo non si possono addebitare all’amministrazione Cassì le criticità di queste questioni, ma si deve rilevare come si è stati obbligati a muoversi nell’ambito di accordi, non sempre convenienti per la città, ma che si dovevano rispettare.
Grande il lavoro il lavoro di Cassì, svolto egregiamente anche in virtù delle sue competenze professionali, un lavoro che Fratelli d’Italia ha appoggiato in pieno e per cui si auspica il massimo impegno futuro per alleviare o mitigare il peso di scelte non sempre ottimali per la collettività.
Un consenso diffuso e profondo per l’attività di tutta l’amministrazione, che deriva da una fondamentale fiducia nell’azione del Sindaco, azione che viene esaltata a proposito delle scelte progettuali a proposito di area dello Scalo Merci, di possibile acquisizione del Palazzo Tumino da trasformare in cittadella giudiziaria e di alcuni uffici statali, di possibile acquisizione o utilizzo del cinema La Licata, di realizzazione della metropolitana di superficie, tutti progetti che Fratelli d’Italia condivide in pieno e considera protese solo ed esclusivamente al rilancio della città per una Ragusa nuova e grande, da tutti auspicata.

L’avv. Arezzo ha considerato esiguo il tempo a disposizione dell’amministrazione per poterne trarre un bilancio dei primi dodici mesi di attività, tempo, comunque sufficiente per avere conferme sulla valenza della scelta per il nuovo sindaco della città.
Consenso e vicinanza senza discussioni e senza riserve, con la disponibilità per un ingresso in giunta, ove fosse richiesto dal sindaco, per una più forte collaborazione nell’interesse della città.
Sensazione diffusa che la vicinanza di Fratelli d’Italia si concretizza sulle emergenze e sulle situazioni critiche, per le quali si vogliono trovare soluzioni condivise e decisive, mentre per l’ordinario si nutre massima fiducia nelle scelte del primo cittadino.

Ultimi Articoli