Una vein viewer per il reparto di neonatologia del Maria Paternò Arezzo

“Un visualizzare che facilita i prelievi venosi permettendo prelievi ematici semplici, senza insuccessi, evitando inutili sofferenze ai piccoli e ansia ai genitori”

La generosità è di casa all’Asp di Ragusa infatti, è frequente che comuni cittadini o associazioni operino gesti di grande generosità.

L’ultimo atto di donazione, solo in ordine di tempo, si compirà martedì 15 maggio 2018 alle ore 10.00 nell’ U.O.C. UTIN – Unità Terapia Intensiva Neonatale – dell’ospedale “Maria Paternò Arezzo” di Ragusa, direttore il dr. Giovanni Giaccone.

Alla presenza del Commissario dell’Asp, dr. Salvatore Lucio Ficarra, il presidente dell’Associazione onlus di Ragusa “Nati per Crescere”, Massimo Cilia, consegnerà alla struttura sanitaria la lampada “VEINVIWER 4.0 vision 2” – Visualizzatore di Vene a Raggi Infrarossi. Uno strumento che proietta sulla cute il decorso delle vene con estrema chiarezza e permette di visualizzare il reticolo sottocutaneo e facilitare i prelievi venosi nel 100% dei casi, permettendo prelievi ematici semplici, senza insuccessi, evitando inutili sofferenze ai piccoli e ansia ai genitori.

«L’acquisto della lampada è stato possibile grazie alla raccolta fondi che l’Associazione ha effettuato durante le attività svolte nell’anno 2017/2018» ha commentato il presidente dell’Associazione “Nati per Crescere” Massimo Cilia che interverrà alla cerimonia di consegna.

Saranno presenti all’evento oltre al dr. Ficarra, il dr. Giaccone, il presidente Cilia, il direttore degli Ospedali Riuniti di Ragusa, dr. Pasquale Granata e l’infermiere del reparto Terapia Intensiva Neonatale, Salvatore Cataldi, che illustrerà le caratteristiche dell’innovativo strumento.

Ultimi Articoli