E venne il Mario d’Asta e Mario Chiavola Day

Convocazione del Consiglio Comunale di Ragusa per il giorno 4 ottobre 2018, per esitare ben 1e punti all’Ordine del Giorno.
Un solo punto, il tredicesimo, riguarda una proposta di delibera della Giunta Municipale che, in modifica e revoca parziale di una delibera di giunta del 28 settembre 2017, intende riaffidare a Riscossione Sicilia e agenzia delle Entrate la riscossione coattiva delle entrate comunali, tributarie e patrimoniali.
Per il resto è il Mario D’Asta e Mario Chiavola Day, con 12 punti all’Ordine del Giorno che riguardano atti di indirizzo e ordini del giorno dei due componenti il gruppo del Partito Democratico.
Solo il primo punto contiene atti di indirizzo recenti, rivolti alla nota di aggiornamento del Documento Unico di Programmazione 2018/2020 e al bilancio di previsione 2018/2020, presentati durante la seduta del Consiglio Comunale de 26 settembre scorso.
Come era stato anticipato, sono stati trasformati in atto di indirizzo per l’amministrazione Cassì gli emendamenti presentati per la discussione in aula, ritirati o bocciati in aula dalla maggioranza, un tentativo estremo, escogitato da Mario D’Asta, per recuperare un minimo di valenza per le proposte emendative allo strumento finanziario.
Per il resto, una serie di atti di indirizzo, presentati dai due esponenti democratici dal 7 agosto al 5 settembre, una serie di atti che il Presidente del Consiglio ha tenuto da parte, anche per due mesi, inspiegabilmente, nella migliore tradizione della vecchia politica che, da sola, decide cosa fare e quando, se si deve fare.
Alcuni atti sono anche superati, altri risentono della natura propagandistica della politica dei firmatari, qualcuno può contenere lo spirito di azioni politiche valide nel contesto della valenza di atti di indirizzo e ordini del giorno che costituiscono orpelli di una politica che farebbe bene ad occuparsi solo di azioni concrete e in linea con le linee programmatiche del partito di appartenenza.
Chiavola ha presentato due Ordini del Giorno per l’istituzione della figura del Disability Manager e per la Convenzione tra Comune di Ragusa, RFI e Regione Siciliana, con il compagno D’Asta un OdG per chiedere al Governo il ripristino del bando sulle periferie.
Mario D’Asta ha presentato ordini del giorno per l’adesione da parte del Comune di Ragusa alla “Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2018”, per lo stato di abbandono delle Ville comunali e ripristino decoro, bellezze, servizi e manutenzione delle strutture, per la richiesta locale per sede C.R.I. di Ragusa, per lo stato di abbandono delle periferie e delle contrade, per il mancato pagamento dei dipendenti del Libero Consorzio dei Comuni, per la valorizzazione del merito e un attestato di riconoscimento per gli alunni meritevoli.
Inoltre, il consigliere D’Asta ha presentato due atti di indirizzo, uno relativo alla adozione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), e uno relativo all’Istituzione della figura del Mobility Manager di area comunale ed elaborazione Piano degli Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) dei dipendenti comunali.
Prevedibile che, all’apertura dei lavori della seduta del Consiglio Comunale, venga proposto il prelievo del 13° punto all’Ordine del Giorno dei lavori.

Ultimi Articoli