A Vittoria bollette idriche salate, ma poca acqua nei quartieri

Una nota del consigliere comunale Giuseppe Nicastro per le continue proteste dei cittadini sui disagi provocati dalla mancanza di acqua potabile.

“La Città di Vittoria è in uno stato di assoluto degrado, con un Amministrazione Comunale rea di non aver saputo mantenere tutte le belle promesse in campagna elettorale.
Una Città ancora senz’acqua, quartieri a secco e cittadini vittime delle bollette salate che questa Amministrazione ha inviato nelle case e nei locali commerciali.
Proprio così, bollette pazze, famiglie che dovranno pagare sotto le festività natalizie, la media di 300 euro, per non parlare dei locali commerciali che avranno una media di 800 euro, e con tutto ciò, senza acqua nelle case e nei negozi come parrucchieri, pub, bar e locali di ristorazione.
Insomma un bel regalo di Natale da parte dell’Amministrazione Moscato.

Molte le vie colpite dalla crisi idrica: in via G. Di Modica manca l’acqua da diversi giorni, in via Montebello (zona ex Cinema Barone) stessa storia, in via Bixio angolo via La Marmora alcuni negozianti sono costretti a portarsi l’acqua dai bidoni per poter pulire le proprie toilette, in via dei Vespri molti residenti sono rimasti a secco da giorno 11 Novembre, per non parlare degli uffici preposti, che pare abbiano una sola autobotte che non potrà riuscire a soddisfare le emergenze, insomma, potremmo continuare a scrivere un libro di disservizi ma riteniamo non sia il caso in quanto ormai la situazione è sotto gli occhi di tutti .

L’Amministrazione Comunale ci dica come intende risolvere tale problematica.
Perché’ non ha saputo rispondere alla nostra Interrogazione Consiliare al protocollo n 23068?
Chiediamo a questa Amministrazione di prendere un impegno con i cittadini, che miri alla ricerca di nuovi pozzi e di nuovi approvvigionamenti idrici, proposte tra l’altro già fatte da noi in Consiglio Comunale ma che non hanno avuto le risposte né da parte dell’Assessore Paolo Nicastro e né tantomeno dal Sindaco Moscato. E pensare che gli Amministratori avevano promesso, durante una trasmissione televisiva, che a giugno 2017 ci sarebbero stati nuovi pozzi di approvvigionamento idrico, in realtà nulla di fatto.

E’ sempre la solita tiritera, sempre la solita amministrazione comunale scadente e inconcludente, confusa e disorganizzata, la solita amministrazione che enfatizza la propria attività amministrativa come se fosse positiva ed eccellente ma che, in realtà, è tutto e il contrario di tutto.

Siccome questa Amministrazione Comunale doveva essere quella del “cambiamento” anche se, viste le ultime mazzate sulla bolletta del canone idrico, di “cambiamento” positivo non se ne vede neanche l’ombra, facciamo appello affinché’ l’acqua ritorni nelle case della gente dato che è un bene comune.
Chiediamo che si attui un piano per la ricerca di nuovi pozzi, così come promesso da parte degli Amministratori.
I CITTADINI CONTINUANO (FINCHE’ C’E’ LA FARANNO) A PAGARE LE BOLLETTE SALATE DEL CANONE IDRICO SENZA AVERE L’ACQUA IN CASA.
I CITTADINI HANNO IL DIRITTO DI AVERE IL SERVIZIO SPETTANTE E LE ISTITUZIONI FACCIANO IL PROPRIO DOVERE SE CI RIESCONO!!!

Ultimi Articoli