Vittoria, una città in crisi, lo denuncia il segretario PD Peppe Nicastro, ma nessuno ne parla

Vittoria, dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale e la decadenza dell’amministrazione, è governata da commissari prefettizi. Sembrerebbe la condizione ideale per restituire decoro alla città, in ogni suo angolo, efficienza nei servizi e ottima amministrazione senza le beghe della politica.
C’è, invece, la voce del PD cittadino, del suo segretario Peppe Nicastro, che alza la voce spesso sulle criticità della città, una volta per la crisi idrica, una volta per la pulizia, una volta per il trasporto studenti. Lo fa senza alzare i toni, anche per un rapporto fondamentalmente buono con i commissari che, per sua stessa ammissione, danno riscontri alle istanze e alle richieste.
Ma quello che fa riflettere è l’assenza di altre voci sui mali della città, sui disagi che pure sono documentati fotograficamente da Nicastro. Sembra che per le altre forze politiche che resistono in città, per le molte liste civiche e per i comitati che erano loquaci quando c’era un sindaco, tutto sia a posto, o hanno perso tutti la voce. Ma dove sono i 5 Stelle di Vittoria ? dove sono gli esponenti dei partiti di destra? dove quelli della sinistra a sinistra del PD? Tutti non pervenuti

L’ultima segnalazione di Peppe Nicastro riguarda il quartiere di via Rapisardi nei pressi della rotonda posta all’intersezione di via Caruano con la via Carfì, dove il segretario cittadino ha tenuto un’assemblea pubblica organizzata dal Partito Democratico di Vittoria, nella quale sono intervenuti i cittadini che vivono le difficoltà quotidiane nel quartiere, per rendere conoscibili dalla viva voce dei residenti tutte le problematiche inerenti alla loro zona.
Criticità di ogni tipo: manto stradale che in più zone non può definirsi tale, grosse buche molto pericolose per l’incolumità anche e soprattutto dei residenti anziani. Ringhiere vecchie e corrose dalla ruggine, instabili, pericolose per l’incolumità di anziani e disabili, oltre che dei bambini che giocano in strada.
Inoltre, si segnala la mancanza di pulizia delle strade, che incide in maniera netta sul decoro urbano della zona ed in special modo la cattiva abitudine di alcuni proprietari di cani che utilizzano l’aiuola che delimita l’albero di ulivo, che fa da spartitraffico alla rotonda stessa come servizio igienico per i loro animali.
ma ci sono anche mini-discariche a cielo aperto nei terreni a ridosso delle abitazioni, terreni che non sono regolarmente recintati e sono abbandonati, privi di ogni manutenzione e pulizia.
Manca una adeguata cura del verde pubblico, scarseggiano i controlli della Polizia Municipale per arginare le violazioni al Codice della Strada,
Da ultimo i problemi della mancanza d’acqua. Non vi è la pressione d’acqua necessaria tale da soddisfare le esigenze dei cittadini, costretti ad oggi a chiamare le autobotti in un quartiere che, prima d’ora, non ha mai avuto tale necessità idrica.
Tutto questo è segnalato in una nota del Partito Democratico di Vittoria che rivolge istanza ai Commissari del Comune di Vittoria affinché siano attenzionate le criticità sopra evidenziate e sia riportato il quartiere a livelli di vivibilità.
Il Partito Democratico di Vittoria continua l’azione di controllo e di ascolto delle istanze della gente di Vittoria, al fine di sollecitare gli organi preposti per i disagi segnalati, in un contesto di politica vissuta a contatto con la gente, al servizio del cittadino, una politica che non vive sulle strategie per riconquistare le poltrone e tornare al timone della barca.

Ultimi Articoli