ZES Vittoria, l’on. Dipasquale replica alla CNA

“Leggo un nuovo intervento della CNA di Vittoria, sempre sulle ZES del comune ipparino, e sembra quasi che vogliano rimproverare me per il fatto che la Regione e il Comune abbiano fatto confusione sulla perimetrazione delle aree e sulla loro denominazione: francamente mi sembra, nei miei confronti, un atteggiamento quasi persecutorio.
Ad oggi sono l’unico ad essersi interessato della vicenda mettendo su un’azione che ha permesso di far rientrare le ZES nella programmazione. Se Vittoria ha ottenuto le ZES, quindi, è perché il sottoscritto è intervenuto sollecitando i commissari e l’assessorato competente.
Appurato, dunque, che ad agosto 2019, il Comune di Vittoria ha rischiato di non partecipare al bando per l’assegnazione delle ZES, che il sottoscritto è intervenuto perché ciò non accedesse e che alla fine Vittoria ha avuto riconosciute le ZES, c’è ora da risolvere un problema diverso.
Per quanto riguarda la confusione che si è creata sulle aree di Vittoria, infatti, è bene precisare che si tratta di competenza comunale e regionale e non del Ministero, né tantomeno dell’on. Dipasquale.
Il Comune le deve indicare, la Regione le riconosce. Se ci sono stati errori il Comune e la Regione devono intervenire, immediatamente, per correggerli.
Solo allora, poi, il Ministero dovrà prenderne atto. Quando la Regione riformulerà insieme al Comune la proposta la sosterrò presso il Ministero”.
Lo dichiara l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del PD, in merito a una nota della CNA di Vittoria che lo citava sollecitandolo “ad adoperarsi nei confronti del ministro per sistemare il tutto riportando chiarezza”.

Ultimi Articoli