200 docce 10 euro, 100 docce 5 euro, 60 docce 3 euro, 1 doccia 3 euro, per i forestieri meglio organizzarsi sempre in comitive da 60 persone

Come scrive in un post il sindaco, il nuovo servizio sostenibile di docce balneari è pronto a partire.
Come vedremo, quasi un’altra tassa di soggiorno. Potremo fare un altro Osservatorio.
Sul sito del Comune l’elenco dei primi punti vendita in cui sono disponibili bracciali e tessere per usufruirne.
In verità ancora pochi solo nove, di cui tre a Ragusa
Ma questa delle manifestazioni di interesse è sempre una strada difficile per l’amministrazione, le risposte sono spesso scarse o insistenti, anche le strutture ricettive sono restie a fornire i dati per l’inserimento nella nuova piattaforma del turismo, organizzata dall’esperto, tanto da dover convocare una riunione dell’Osservatorio per la Tassa di Soggiorno, quasi esclusivamente per sollecitare le strutture, attraverso le organizzazioni di categoria, a dare risposte.
Tornando alle docce, l’amministrazione si premura di esortare a non gettare bracciali e tessere, che vanno riconsegnati ai punti vendita per essere ricaricati e riutilizzati, contribuendo così a evitare un inutile spreco di plastica.
Ma il recupero non prevede nemmeno un minimo sconto, per cui non si vede il motivo per preoccuparsi eccessivamente di recuperare o dispositivi di pagamento.
In un post sui social viene ricordato che con un braccialetto da €10 si avrà diritto a 200 docce, con una tessera da €5 a 100 docce, con una tessera da €3 a 60 docce.
Un costo, obiettivamente, assai basso, appena 5 centesimi per 30 secondi di acqua per la doccia, ma risulta evidente un aspetto che gli amministratori hanno dimenticato: un forestiero che viene per passare una giornata a Marina, se ha bisogno di una doccia, dopo aver fatto il bagno a mare, tralasciando che deve sapere di doversi munire non di moneta o di carta di pagamento elettronica ma di apposito abbonamento, è costretto a pagare una doccia minimo 3 euro, essendo questo il taglio minimo degli abbonamenti.
Anche considerando una famiglia di quattro persone, e un lavaggio doppio, anche per 8 docce, il malcapitato turista è costretto a pagare 3 euro, a pagare altre 52 docce che non utilizzerà.
Forse sarà una trovata degli esperti per il turismo, per invogliare a venire a Marina di Ragusa almeno in comitive di 60 persone.

Ultimi Articoli