A Modica il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Marcello Medica, sempre protagonista dell’opposizione

Un’interrogazione del M5S per chiedere spiegazioni all’Amministrazione Comunale circa la persistente esclusione delle spiagge del comune modicano dal riconoscimento della bandiera Blu.
Il consigliere del Movimento 5 Stelle chiede, nell’interrogazione, al Sindaco e alla Presidenza del Consiglio, se sono note le motivazioni o le cause dell’esclusione dal riconoscimento e cosa stia mettendo in campo, eventualmente, l’Ente per rimediare all’ennesima esclusione da questo importante traguardo e in vista del prossimo concorso per il riconoscimento della ‘Bandiera Blu 2021’.

Nelle scorse settimane la FEE (Foundation for Environmental Education) Italia ha proceduto all’assegnazione della ‘Bandiera Blu 2020’ a ben 407 spiagge italiane appartenenti a 195 comuni di cui 8 in Sicilia e di questi 8 ben 3 (Ragusa, Pozzallo e Ispica) soltanto nel territorio della Provincia di Ragusa.
E’ la seconda volta consecutiva che l’Ente di Palazzo san Domenico viene bocciato, nonostante le rassicurazioni che erano state fornite dal DEC e dall’assessore Lorefice, recatisi a Roma per seguire da vicino la procedura concorsuale.
Medica sottolinea i rigidi criteri di valutazione con i quali viene concesso il riconoscimento, per l’ adeguata informazione e opera di educazione ambientale, per la qualità delle acque di balneazione ed efficienza della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria, raccolta differenziata, corretta gestione dei rifiuti pericolosi, spiagge con tutti i servizi e personale addetto al salvamento, abbattimento delle barriere architettoniche, valorizzazione delle aree naturalistiche. Sottolinea, altresì, che sono 33 i punti che la FEE giudica irrinunciabili per potersi candidare alla ‘Bandiera Blu’, tutti da documentare e soggetti a verifiche ed ispezioni anche a sorpresa.
In pratica, Medica si chiede se il Comune ha saputo istruire la procedura di partecipazione per ottenere questo prestigioso riconoscimento che avrebbe dato sicuramente un impulso non indifferente allo sviluppo turistico di Marina di Modica e di Maganuco, con un conseguente impulso economico, oggi più che mai vitale per tante attività che hanno visto drasticamente diminuire i flussi turistici a causa della crisi post Covid-19.
Si paventa, in assenza di esaustive spiegazioni, che alla base della reiterata esclusione di Modica, ci potrebbero essere dei seri motivi ostativi, uno tra tutti l’efficienza della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria, nonché la qualità delle acque di balneazione.

Con altra nota stampa, il consigliere Medica esprime la soddisfazione per l’approvazione, da parte del civico consesso modicano, di un atto presentato dal Movimento 5 Stelle.

È il caso, questa volta, dell’ordine del giorno, presentato dal consigliere comunale del M5S, Marcello Medica, avente ad oggetto “Pesanti problematiche che affliggono i numerosi operatori del settore Ho.Re.Ca.”, che ha visto la condivisione di tutte le forze politiche presenti in aula nella seduta consiliare del 25 giugno u.s.
Un doppio risultato dunque: dal punto di vista del merito e sul piano politico.
Dal punto di vista del merito, innanzitutto, poiché il Consiglio Comunale, con l’approvazione del suddetto ordine del giorno, raccogliendo le impellenti istanze del settore Ho.Re.Ca., esprime la sua solidarietà e il suo sostegno per tutte le attività appartenenti a tale categoria produttiva, in grossissime difficoltà nonostante i diversi interventi già emanati ai vari livelli a loro sostegno; ritiene che tanto sia stato fatto ma tanto si può ancora fare a tutti i livelli di governo per venire incontro a tale categoria produttiva che ha subito un tracollo totale e la cui ripartenza non è sicuramente molto incoraggiante; esprime disappunto in merito alle difficoltà di accesso al credito agevolato a causa principalmente delle stringenti condizioni bancarie nonostante le garanzie statali fino al 100 per cento per importi fino a 25 mila euro, ritenendo invece giusto che le banche, soprattutto in questo periodo, siano molto più vicine alle imprese.
Il Consiglio Comunale, in questa emergenza sanitaria, presto diventata economica e sociale, si schiera apertamente a sostegno degli operatori economici della categoria Ho.Re.Ca. e farà tutto il possibile affinché l’importante settore possa continuare a ricevere le giuste attenzioni e le necessarie risposte ad ogni livello al fine di garantirne non solo la sopravvivenza, ma anche una pronta ripresa che sicuramente va a beneficio di tutte le comunità coinvolte.
Con tale ordine del giorno, i consiglieri, pertanto, hanno impegnato il Presidente del Consiglio Comunale a farsi promotore della volontà del Consiglio Comunale e ad inoltrare il presente atto consiliare al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Presidente della Regione Sicilia e al Commissario del Libero Consorzio dei Comuni dell’ex Provincia di Ragusa.
Sul piano politico, invece, l’approvazione dell’atto rappresenta sicuramente un altro importante risultato, in primo luogo del Consiglio Comunale in quanto istituzione, che riguardo a determinate problematiche cittadine e non solo ogni tanto riesce ad esprimere in modo univoco la sua volontà politica; in secondo luogo, rappresenta un altro importante risultato positivo del M5S di Modica che nonostante abbia un solo consigliere comunale su ventiquattro, riesce a produrre valide proposte per la città che spesso trovano la condivisione di tutte le forze politiche presenti in Consiglio.
In fondo, l’espressione massima della politica e proprio questa: riuscire a trovare dei punti in comune per individuare insieme una soluzione ai problemi della città e dei cittadini.
Un ringraziamento, in questo caso, va a tutti i consiglieri che hanno responsabilmente condiviso e votato favorevolmente l’importante ordine del giorno a sostegno di una categoria produttiva che più delle altre sta accusando i pesanti effetti della crisi provocata dall’emergenza Covid-19, e che auspichiamo possa riprendersi quanto prima possibile.

Ultimi Articoli