Capo d’Orlando fa valere il fattore campo e vince gara tre, promossa in serie B, per la Virtus Ragusa una seconda chance, contro Pesaro

Alla Infodrive Arena i paladini s’impongono per 71-59. Ragusa va a sprazzi e dovrà ripartire dalla sfida con Pesaro che comincia mercoledì al PalaPadua.

Capo d’Orlando si aggiudica gara-3 per 71-59 ed è la prima promossa nel campionato di Serie B Nazionale.
La Virtus perde una buona opportunità, che non sarà l’ultima: mercoledì si riparte dal PalaPadua per una serie al meglio delle “tre” contro la Italservice Loreto Pesaro.
Alla Infodrive Arena, di fronte a un pubblico caldissimo (ci sono anche 200 tifosi di Ragusa), la squadra di Recupido è altalenante, subisce la fisicità degli avversari, deve produrre uno sforzo importante per rientrare a contatto e alla fine esaurisce le energie prima degli avversari.

Ragusa esce forte dai blocchi coi canestri di Vavoli e Cioppa. Inizia un lungo corpo a corpo, regolato dal talento di Simas Jasaitis: il lituano, che innesca un parziale di 9-0 per la Infodrive, segna dodici dei primi sedici punti di Capo d’Orlando, e lo fa indifferentemente da dentro e fuori l’area. La Virtus rimane attaccata con interpreti diversi: prima Gaetano, poi Cioppa e Sorrentino, e infine anche Brown: è sua la tripla chiude il primo quarto sul 16-18 per gli ospiti.
La Virtus però si inceppa in attacco, non segnando mai dal campo fino alla metà della seconda frazione: a sbloccarla ci pensa Brown, quando l’inerzia è già cambiata. Lo stesso Brown commette antisportivo a metà campo su Palermo: il canestro di Favali sul possesso che ne deriva è un segnale d’allarme. Recupido richiama fuori Sorrentino con tre falli.
Gatti scuote la Infodrive Arena con il canestro dal perimetro per il +8, Vavoli tiene testa, ma sono un paio di triple del solito Jasaitis (una di tabella) a dare ai padroni di casa un vantaggio in doppia cifra.
Simon si sblocca con la schiacciata, ma complessivamente il primo tempo non sorride ai virtussini, che tirano 2/14 da tre e 3/8 ai liberi. All’intervallo è 39-29.

La Virtus esce dagli spogliatoi con la tensione giusta: Brown si carica la squadra sulle spalle realizzando due triple, Vavoli completa il parziale di 0-8 su un cioccolatino di Cioppa.
Timeout Bolignano e partita riaperta (39-37). La Infodrive però non è disposta a farsi risucchiare: Palermo segna da lontanissimo e la riporta sul +7, un paio di iniziative di Gatti dilatano il gap e costringono Recupido a fermare il gioco sul 52-42 (al 26’). Ragusa perde reattività a rimbalzo, ma si aggrappa al match con l’esperienza di Sorrentino e Gaetano.
Capo invece perde Jasaitis per infortunio, all’ultimo intervallo c’è ancora equilibrio: 54-49.
La Virtus sopperisce alle palle perse con la difesa, Gaetano la riporta in carreggiata sul -2 (56-54 al 34’).
Un paio di buone costruzioni in attacco terminano con due errori di Simon dall’arco, uno poteva essere il canestro del sorpasso. L’Orlandina tocca nuovamente il +8, mentre Ragusa perde il filo. Brown tenta l’ultimo assalto: gioco da tre punti per il 62-57 con meno di 3’ sul cronometro. Gatti segna il +7, Capo d’Orlando non si guarda più indietro e sfrutta al meglio il nervosismo della Virtus per blindare dalla lunetta la vittoria e la promozione.

Infodrive Capo d’Orlando-Virtus Ragusa 71-59 Parziali: 16-18; 39-29 (23-11) ; 54-49 (15-20); 71-58 (17-10)

Infodrive Capo d’Orlando: Agbortabi 2, Moltrasio, Mentonelli ne, Mascherpa 3, Favali 8, Palermo 10, Jasaitis 22, Marini 7, Caridà 6, Gatti 13. All.: Bolignano

Virtus Ragusa: Brown 22, Piscetta, Epifani, Cioppa 8, Simon 5, Tumino ne, Vavoli 10, Sorrentino 6, Gaetano 8, Mirabella ne, Calvi ne, Ianelli. All.: Recupido

Arbitri: Collura di Roma e Fornaro di Mentana

Ultimi Articoli