Cartone in quantità industriale abbandonato in pieno centro a Ragusa, sul ponte nuovo

Uno spettacolo a dir poco indecente, in via Roma, all’inizio del ponte nuovo, alle 9 di sera, quando ancora qualcuno indugia per una passeggiata o si sofferma ai tavoli del bar del Mediterraneo da dove possono uscire anche turisti per un giro serale in centro storico.
Un ammasso abnorme di cartoni e di sacchi di plastica pieni di rifiuti: si deve dire che, a molti, la cosa non fa tanta impressione, qualcuno dei commercianti di via Roma la giustifica come normale smaltimento dei colli che arrivano giornalmente nei negozi, addirittura consentito.
In effetti, sbirciando nella confusione del sito della ditta che si occupa della raccolta differenziata in città, si rileva un calendario, che risale al settembre 2019, per le utenze non domestiche, che prevede la raccolta giornaliera del cartone, per quanto da una telefonata all’ufficio del gabinetto del Sindaco, dopo accertamento con il funzionario responsabile, di questa raccolta giornaliera dicono che non ne sanno nulla, relativamente a questo presunto punto di raccolta.
In ogni caso, prevista o no la raccolta giornaliera del cartone, ci sembra che gli stessi dovrebbero essere piegati e legati, senza occupare troppo volume e, soprattutto, secondo le regole, lasciati davanti al numero civico di appartenenza.
Non comprendiamo perché si debba trasformare il marciapiede del ponte in un centro di raccolta, ostacolando il passaggio anche di carrozzine e carrozzelle, oltre a produrre uno spettacolo poco edificante.
Pensiamo che i commercianti eviterebbero di lasciare un simile ammasso davanti alle proprie vetrine, ove fosse consentito da accordi per la raccolta.
E’ un comportamento abituale riscontrato più volte, in viale Ten.Lena lasciano i rifiuti addossati al muro della palestra o dell’edificio scolastico, in via Roma, come documentato dalle foto di qualche anno fa, lasciavano i cartoni addossati all’edificio vuoto dell’ex negozio Spatafora.
In pratica si ha cura di mantenere il decoro attorno al proprio negozio, lasciando i rifiuti altrove.
Dei controlli, a questo punto serali, sarebbero opportuni.

Ultimi Articoli