Con tre voti contrari, il Consiglio di Comiso approva la proposta del PD di assegnare la cittadina onoraria a Liliana Segre.

Dopo un lungo, articolato, e a tratti surreale, dibattito, il Consiglio Comunale di Comiso ha approvato a maggioranza (con il voto contrario dei consiglieri di maggioranza Maria Stella Modica, Michele Assenza e Alberto Belluardo) la proposta del PD di assegnare la cittadina onoraria a Liliana Segre.
La mozione presentata dal Partito Democratico di assegnare la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, sopravvissuta al campo di sterminio di Auwswiz, testimone di quegli orrori disumani e attualmente soggetta ad attacchi, insulti e minacce vergognosi, rilanciati da una rete di canali digitali fascisti e di estrema destra, per i fatti di enorme gravità da richiedere la necessità di una misura di protezione, attraverso la scorta affidata alla senatrice del Ministero dell’interno.
“La proposta del PD – ha spiegato Gigi Bellassai, Consigliere e Presidente provinciale del PD – muoveva dall’esigenza di tutelare e difendere la Segre da questa valanga di odio (nei suoi confronti si contano oltre 200 attacchi e minacce al giorno) attraverso l’assegnazione della cittadinanza onoraria di Comiso, città della pace, dell’accoglienza e della Solidarietà. Nella convinzione che il Consiglio comunale non avrebbe avuto alcuna difficoltà ad approvare questa proposta, già fatta propria da molte altre città italiane.
Ma la realtà talvolta supera l’immaginazione, il dibattito consiliare a Comiso ha preso un profilo odioso e a tratti surreale, con messaggi e interventi davvero inspiegabili, pregni di furore ideologico, obsoleti e fuori dalla contemporaneità.
In particolare, nell’intervento della Consigliera Maria Stella Modica di Diventerà Bellissima, viene definita demagogica la proposta, dichiarando che la Segre “piuttosto che essere messaggera di pace e di unione non fa altro che creare divisione fra gli animi”
A questo sono seguiti altri interventi dello stesso tenore che ci hanno lasciato basiti.
In conclusione, in un clima cupo e surreale che ci ha riportato indietro nel tempo alle contrapposizioni ideologiche facendoci tornare alla mente spranghe e manganelli, è stata approntata una sorta di mediazione da parte del Consigliere Alessandro Meli che ha proposto di aggiungere alla cittadinanza onoraria per Liliana Segre, quella alla signora Egea Haffner, vittima delle persecuzioni dei comunisti del Maresciallo Tito. Naturalmente la proposta è stata accolta dai tutti noi consiglieri di PD e Lista Spiga, rafforzata dagli interventi di Fabio Fianchino e Gaetano Gaglio.
Nonostante l’accoglimento dell’emendamento, i tre consiglieri di DiventeràBellissima hanno mantenuto la loro posizione rigida, votando contro il provvedimento.
Esprimo soddisfazione per essere riusciti ad approvare la nostra proposta quale simbolo della lotta contro ogni odio razziale e discriminazione – ha concluso con rammarico Gigi Bellassai – Rimane però la grande amarezza di constatare che una parte della rappresentanza istituzionale della nostra città democratica e antifascista, nutre ancora un sentimento radicato di estrema Destra, “suprematista” che non consente loro di superare gli steccati e trovare una sintesi di pacificazione post-ideologica e contemporanea. Peccato una occasione persa.”

Ultimi Articoli