Dopo i bassi del Castello, il City, altro giocattolo per la politica del nulla

A stagione ormai avviata, al Comune di Ragusa, segnatamente all’assessorato allo sviluppo economico, si trastullano ancora con il nulla.
Dopo i tanti bandi che vanno a vuoto, ignorati dalla gente, mentre si giochicchia ancora con i bassi del Castello di Donnafugata, viene fuori, ora l’avviso pubblico per l’affidamento in comodato del City.
Dopo il fallimento del primo affidamento ad una associazione che non ha per nulla rilanciato né i locali né le aree di pertinenza, arriviamo a dare, ora, in comodato, una delle più interessanti strutture del centro storico.
In pratic, nemmeno svendiamo ma cediamo in comodato con possibilità di rilancio di tutta la struttura del tutto aleatorie.
Non ci vorremmo sbagliare ma ci sembra che, addirittura, di aver letto che è previsto anche un sostegno a chi prende in gestione i locali.
E’ chiaro che, a questo punto, che il rilancio e la rivalutazione del City debbono essere assicurati, altrimenti è meglio cambiare lavoro.
Sarebbe stata adottata una specifica scheda-progetto relativa all’utilizzo, a titolo di comodato, dell’immobile citato, finalizzato a realizzare al suo interno attività di ristorazione nonché bistrot (nella formula del caffè letterario), con somministrazione di specifiche tipologie di bevande e prodotti tipici della cultura ragusana.
Ciò che fa sorridere è la presenza costante di questa formula del caffè letterario, del bistrot, che si vuole, per forza, inserire in ogni programma dell’amministrazione, addirittura con somministrazione di specifiche tipologie di bevande e prodotti tipici della cultura ragusana, non sappiamo se ci si riferisce al succo di carruba o alla premuta di turciniuna.
In pratica si sta distruggendo il patrimonio di una funzionale struttura che si deve all’amministrazione Dipasquale, accomunata nel declino di un centro storico per il quale non ci sono né idee né capacità politiche per un rilancio anche minimo.
L’avviso scade il 30 luglio, un eventuale affidamento perderà anche la stagione in corso, l’assessore allo sviluppo economico è fiduciosa nel tentativo dell’amministrazione di incrementare l’attività economica e contribuire alla crescita di posti di lavoro, con una azione che intende agevolare coloro che hanno l’interesse ad intraprendere o continuare un’attività di carattere imprenditoriale con risvolti anche in campo sociale e ricreativo nei locali di proprietà comunale.
Il tutto sarebbe finalizzato a “proseguire le azioni volte a contrastare il fenomeno della desertificazione commerciale” , e vorremmo sapere quali sono.

Ultimi Articoli