Fratelli d’Italia di Modica scrive al suo sindaco che non paga la raccolta dei rifiuti in città

Una lettera aperta del Circolo Cittadino di Fratelli d’Italia di Modica al sindaco della città per il mancato pagamento di quanto dovuto, nei termini degli accordi, per il servizio di raccolta dei rifiuti in città:

LETTERA APERTA AL SINDACO ABBATE
Il Circolo Fratelli d’Italia di Modica esprime viva preoccupazione a Lei Sig. Sindaco e massima solidarietà ai lavoratori della ex SPM ed agli operatori ecologici della ditta IGM, ritenendo nei fatti, oltremodo lesivo e assai poco rispettoso della dignità e del dovuto e meritato decoro, che merita ogni categoria di lavoratore .
È a dir poco impensabile ed oltremodo degradante, che un lavoratore e la famiglia dello stesso, debba soccombere puntualmente e ripetutamente all’umiliazione, prima di ricevere le dovute e meritorie spettanze mensili, cosa, a Modica, purtroppo soventissima e ciclicamente ripetuta.
Certo è che i riconoscimenti dati alla Città, come la bandiera blu, la riapertura del Castello dei Conti e del Museo presso il Palazzo dei Mercedari, sono lusinghieri per i cittadini Modicani, ma ciò, non può assolutamente farci distogliere l’attenzione dai problemi sociali ed economici che attanagliano la Città.
Fratelli d’Italia, chiede che si provveda al più presto al pagamento delle dovute spettanze ai lavoratori, ridando loro la dignità che meritano, la dignità che spetta a chi vive di onesto, proficuo e laborioso lavoro, ribadendo a gran voce, che ogni lavoratore, ha una famiglia da mantenere ed oggi, circa 200 famiglie di lavoratori Modicani, sono costretti a vivere nella totale incertezza.
Il Circolo Cittadino di Fratelli d’Italia La esorta Sig Sindaco, affinché provveda con immediatezza al risanamento di tale, incresciosa vicenda.
Resta altresì beninteso, che questo Circolo non avalla l’accordo proposto dalla società IGM ai propri dipendenti ed alle OO.SS. CGIL, CISL e UIL, ossia procedere al saldo della 14^ mensilità e ad un acconto del 50% delle spettanze del mese di giugno, da accreditare ai dipendenti entro il 20 luglio, così come appare improprio provvedere al saldo degli emolumenti di giugno, entro il 5 giugno 2021.
I dipendenti hanno il diritto di percepire il loro meritato stipendio ogni mese, in modo tale da poter organizzare la loro vita e ad onorare gli impegni economici contratti, in quanto certi di poter percepire uno stipendio, dato dal loro onorato, meritevole e dignitoso lavoro.

Circolo Cittadino di Fratelli d’Italia di Modica
Il Coordinamento Cittadino

Ultimi Articoli