Il Marina di Ragusa riparte con un grande progetto che mette sempre al centro i giovani locali

L’ASD Marina di Ragusa si è presentata alla stampa e alla città nell’aula consiliare di Palazzo dell’Aquila.
A fare gli onori di casa il Sindaco, Peppe Cassì e l’assessore allo sport, Eugenia Spata, con la presenza importante del delegato provinciale del CONI, Maria Monisteri, che è anche assessore allo sport del vicino comune di Modica.
Un appuntamento importante e atteso, voluto dalla società per presentare i nuovi quadri della dirigenza e dello staff tecnico, accompagnati da moltissimi atleti giovani.
Il Sindaco Cassì si è detto felice di ospitare il Marina di Ragusa, società che si è distinta, oltre che per i risultati sportivi, per l’attività svolta in maniera professionale e per il lavoro che ha messo al centro il settore giovanile.
“Tanta passione e tanta attesa in città, per una società che, attraverso una sana politica sportiva, riesce a trasmettere valori importanti e, oggi, fondamentali, soprattutto per le nuove generazioni.”
Anche l’assessore allo sport, Eugenia Spata, segue, da tempo, l’attività della società e ne apprezza l’attenzione per i giovani locali, oltre ad essere personalmente legata a Marina di Ragusa e alla sua realtà sportiva che porta in alto il nome della città.
La delegata del CONI, Maria Monisteri, ha espresso l’apprezzamento per il lavoro della società e per l’escalation della squadra, manifestando la sua vicinanza e l’attenzione per una delle realtà provinciali che più si distinguono nel panorama locale.

E’ stato il Presidente, Francesco Postorino, da sempre anima e motore del Marina di Ragusa, a parlare dell’attività societaria, dopo i saluti istituzionali, facendo precedere al suo intervento i ringraziamenti e i saluti di riconoscimento ai dirigenti, ai collaboratori e ai sostenitori che, negli anni, hanno contribuito alla ‘favola’ del Marina di Ragusa Calcio, a cominciare dal Presidente Alabiso che, dopo 17 anni al vertice, ha preferito passare la mano per impegni di lavoro e di famiglia.
Il recente periodo emergenziale ha fornito l’occasione per ampie riflessioni e per programmare il futuro con sempre maggiore attenzione.
Onorato di rappresentare la città, attraverso la società, si è detto desideroso di instaurare sempre più proficui e sinceri rapporti con tutto il territorio, anche in ambito provinciale, rinnovando la disponibilità di sempre alla massima e disinteressata collaborazione, in ambito sportivo e gestionale.
Poche semplici parole di un Presidente che ha già dimostrato di voler sviluppare un progetto di grande respiro, per lo sport e per la città, con grande e proficua concretezza, attorniato da una schiera di collaboratori di eccellenza, a cominciare da Cesare Sorbo, il Direttore sportivo che, nel recente passato, è riuscito a determinare la svolta fondamentale che ha cambiato il destino e i risultati della squadra.
Cesare Sorbo ha definito il progetto del Marina di Ragusa un ‘progetto ambizioso, pericoloso e suggestivo’, che si è concretizzato e andrà avanti grazie ai collaboratori del passato e a quelli che stanno già lavorando per la prossima attesa stagione.
Sorbo ha avuto parole di riguardo per il tecnico, Salvatore Utro, che ha resistito alle sirene di allettanti proposte, per il preparatore atletico, Saro Marangio, e per l’ex preparatore dei portieri, Franco Capocasale, che ha lasciato l’incarico per motivi di lavoro, salutando tutti gli attuali collaboratori che contribuiranno a fare del Marina di Ragusa un importante punto di riferimento nel panorama sportivo, e segnatamente calcistico, non solo a livello locale.
Non poteva mancare l’intervento di un’altra ‘anima’ della società, il Direttore Generale Nunzio Calogero, che ha voluto mettere in risalto l’attività svolta sempre ricorrendo alla massima professionalità e l’attenzione per il mondo del calcio giovanile, soprattutto locale, politiche che hanno dato risultati sperati e, in qualche caso, anche inaspettati.
Quella del Marina di Ragusa vuole essere una realtà sempre in crescita, una realtà che ha fatto esordire, nella scorsa stagione, tre diciottenni e ben sei juniores, con 10 ragazzi ragusani nella rosa, un lavoro che ha premiato e che è stato possibile grazie alla proficua collaborazione con le società di base locali che hanno supportato il progetto per una stagione importante.
Anche l’allenatore, Utro, ha espresso la soddisfazione per i risultati che hanno ripagato del grande lavoro svolto, sempre all’insegna della passione e dell’impegno.
La stagione si annuncia avvincente, per un altro anno di serie D che è stata ampiamente meritata, la società sta operando al meglio, in tutti i settori, anche quello dell’informazione e della comunicazione è stato implementato affiancando al lavoro egregio di Sergio Randazzo, come addetto stampa, quello professionale e appassionato di Michele Farinaccio come addetto alla comunicazione sui social, per un rapporto quanto mai proficuo con ampie fasce della collettività sportiva e non solo.
Momento significativo dell’incontro, teso a suggellare la vicinanza della società con la città e con l’attuale Sindaco, la consegna, da parte del vicepresidente Occhipinti, a Peppe Cassì, della maglia rossoblù con il classico numero 12 del ‘capitano’.

Ultimi Articoli