Interruzione del servizio TAC, per guasti, a Vittoria e a Modica, l’occasione per Sergio Firrincieli di occuparsi della neurologia e della stroke unit

Non hanno funzionato, e forse sono ancora guaste, le TAC di Vittoria e di Modica. Naturalmente l’ASP si guarda bene dal comunicare i temporanei disagi, si devono diffondere solo messaggi positivi.
Ma, diciamo noi, il guasto ci sta, per quanto ci pare che a Modica le TAC siano due, ma, appunto si tace sulle criticità.

Il consigliere comunale di Ragusa del Movimento 5 Stelle, Sergio Firrincieli, informato dei disagi, si sofferma sul fatto che il contemporaneo blocco delle TAC di Vittoria e Ragusa comporta un convogliamento delle esigenze verso la TAC del ‘Giovanni Paolo II’, con gravi ripercussioni per la diagnostica a prenotazione che sarà posticipata se non addirittura azzerata.
Ma Firrincieli si sofferma, piuttosto, per quanto ha appreso da ambienti ospedalieri, sul fatto che, in queste ore, un qualsiasi malato con problemi ischemici o con problemi neurologici importanti, che abbia la necessità di essere monitorato con la Tac ogni 6/8 ore, non possa essere trasferito a Vittoria, dopo l’accesso al pronto soccorso dell’ospedale Giovanni Paolo II, perché al Guzzardi non funziona la TAC.
I pazienti del caso sarebbero ricoverati in astanteria al pronto soccorso di Ragusa, in osservazione breve intensiva, senza garanzie della dovuta assistenza per questo genere di patologia, nonostante l’attenta, scrupolosa e dedicata competenza della direzione del pronto soccorso, dei medici e del personale infermieristico.
Ma, considerando la cronica carenza di personale, anche in queste condizioni, non c’è da stare allegri, per l’impossibilità di fruire di personale dedicato e professionalmente specializzato.
E si arriva al quibus della questione per cui la nota di Sergio Firrincieli va comunque apprezzata ma per la quale è doveroso fare una grossa censura per il consigliere comunale che si ricorda e si occupa del reparto di neurologia e della stroke unit che non ci sono al ‘Giovanni Paolo II’, nonostante le sentenze del TAR, solo perché sono ferme le TAC di Vittoria e Ragusa.
Nonostante i tentativi di spacciare quattro posti letto per reparto di neurologia, persiste la colpevole omissione dei vertici dell’ASP di Ragusa per ottemperare alle indicazioni chiare della sentenza del TAR.
Firrincieli non lo ha fatto prima, deve ora recarsi presso la Direzione dell’ASP e farsi spiegare dal Commissario se intende rispettare la legge: come il dr Drago si vanta di sguarnire il reparto di Medicina di Ragusa, per fare fronte ai bisogni di quello di Vittoria, disponga analogo spostamento delle necessarie unità di neurologia da Vittoria a Ragusa.
Peraltro, pare che l’ausilio dei medici della Medicina di Ragusa non serva a integrare la carenza di personale ma a consentire al personale di Vittoria di fruire di ferie, permessi e assenze comunque definibili dal posto di lavoro.

Quanto alle considerazioni politiche di Firrincieli, farneticanti alla Giuseppe Conte, stendiamo un velo pietoso: Firricieli ha da solo le capacità politiche per disquisire in materia, lasci le politiche e i metodi grillini della nouvelle vague pentastellata, e, come abbiamo detto all’on.le Campo, le inutili polemiche.
Guardino a cosa ha fatto il Movimento 5 Stelle quando era al governo, lo stesso di quanto sta facendo il centro destra, a Roma e a Palermo, lo stesso di quello che farebbe il PD, se fosse al governo.

L’attuale management dell’ASP di Ragusa potrà fare riferimento a Fratelli d’Italia, ma il Presidente e l’assessore sono di Forza Italia, in precedenza la sanità ragusana è stata preda di DC e di Lega, ancor prima c’era Lombardo e prima ancora Crocetta: i risultati sono sotto gli occhi di tutti, le appartenenze sono servite solo per sistemare i primari e i capi dipartimento, le criticità sono rimaste quasi tutte, eliminate solo quelle di chi ha coltivato con dedizione il proprio orticello.

A proposito, un consiglio a Firrincieli: si occupi del completamento del ‘Giovanni Paolo II’ e vada a guardare quanto è costato, finora, il GPII e quanto hanno stanziato per il completamento e, contestualmente, vada a sincerarsi per quanto stanno stanziando per il nuovo ospedale di Siracusa e per quello di Gela.
Di questo dovrebbero occuparsi gli onorevoli e i senatori, invece di occuparsi di piano regolatore.

Ultimi Articoli