L’ASP potenzia la campagna vaccinale, appello anche del Presidente del Consiglio comunale, Ilardo

Si corre ai ripari, dopo non aver compreso prima l’importanza di forzare sulla campagna vaccinale, con adeguate misure e opportuna campagna di informazione e divulgazione dell’ormai unanimemente riconosciuta esigenza di tutelarsi contro il virus con quello che, al momento, mette a disposizione la scienza.
Innegabile che una altissima percentuale degli attuali ospedalizzati è senza copertura vaccinale, qualcosa significherà.
L’ASP di Ragusa, per ora pensa alle misure per potenziare gli hub, di una quanto mai opportuno a campagna di informazione, per ora, nulla.
L’Azienda Sanitaria di Ragusa ha predisposto nuove aperture per gli hub vaccinali della provincia di Ragusa con lo scopo di incentivare la campagna vaccinale.
A partire da lunedì 6 settembre 2021, l’hub vaccinale di Scicli – contrada Zagarone – sarà aperto anche nei pomeriggi del mercoledì e venerdì dalle ore 17.00 alle ore 20.00.
Al centro vaccinale di Santa Croce Camerina – Centro Diurno per anziani Terza Primavera – oltre al mercoledì – si aggiunge un’altra giornata il lunedì mattina dalle ore 8,30 alle ore 12,30.
A tal proposito si precisa che il lunedì sarà dedicato alla somministrazione delle prime dosi e il mercoledì si effettueranno i richiami come da calendario, dalle ore 8,30 alle ore 12.00 e dalle ore 16,30 alle ore 18,30.
All’hub di Modica – contrada Beneventano – la vaccinazione sarà garantita tutti i giorni dalle ore 8.00 alle 12.00, pomeriggio: il lunedì e il giovedì dalle ore 17.00 alle 20.00.
Inoltre, l’Asp ha in corso una proficua un’interlocuzione con la Direzione provinciale scolastica – che si è immediatamente attivata – con lo scopo di organizzare nelle sedi scolastiche punti provvisori vaccinali per effettuare la somministrazione del vaccino agli studenti, docenti e personale non docente.
La vaccinazione si estende anche ai genitori degli studenti.
Per informazioni: www.asp.rg.it

Anche il Presidente del Consiglio Comunale, Fabrizio ilardo, ha pensato di rivolgere un appello alla città, con un comunicato che appresso pubblichiamo, con il quale esorta non solo a
Seguire il consiglio di vaccinarsi ma esorta anche a fare opera di convincimento nei confronti di chi è restio o titubante a farlo:

“Voglio anche io, in punta di piedi e confermando il fatto di non avere alcun tipo di competenza scientifica, sentendomi, però, pienamente responsabile con riferimento al ruolo ricoperto nella mia città che non mi può lasciare indifferente rispetto a quanto sta accadendo, lanciare un appello.
Affinché ci si continui a vaccinare e, soprattutto, si convinca chi non è ancora deciso a farlo, ad utilizzare l’unica arma che abbiamo a disposizione per evitare un peggioramento della situazione epidemiologica”.
Fabrizio Ilardo aggiunge: “Ragusa e i ragusani, stando ai dati forniti dall’Asp, dopo 243 giorni di vaccinazione, dal 27 dicembre del 2020 al 26 agosto scorso, si colloca come il secondo comune in provincia, con il 73,15%, dietro soltanto a Giarratana.
E, in particolare, per quanto riguarda la fascia d’età 12-60 anni, siamo al 64,59% e con riferimento agli over 60 al 91,77%.
Si è fatto tanto, ma si può fare ancora di più. Ecco perché è fondamentale, in questa fase in cui l’Oms sta monitorando altre varianti, che potrebbero risultare potenzialmente più pericolose di quelle già conosciute, riuscire ad immunizzare la stragrande maggioranza della popolazione.
Per di più, dopo il periodo di ferie, stanno riprendendo tutte le attività lavorative e, quindi, nei posti di lavoro, è ancora più importante risultare tutti immunizzati.”
Naturalmente, continuando a rispettare quelle che sono le precauzioni indispensabili in questa fase (mascherina e distanziamento) e che ci preservano dall’infezione”.

Ultimi Articoli