L’assessore Rabito e il consigliere Rivillito hanno partecipato ad una iniziativa per la Giornata europea contro la tratta di esseri umani

Quattordicesima edizione della Giornata europea contro la tratta di esseri umani, celebrata dalla cooperativa Proxima con i simbolici palloncini arancioni agli orti sociali che sono gestiti dalla stessa Proxima che, in aiuto alle vittime di tratta e grave sfruttamento, sensibilizza le cittadine e i cittadini sulla pesante problematica, unendosi idealmente alle diverse iniziative organizzate dal Nord al Sud Italia, grazie al prezioso lavoro dei progetti Antitratta italiani e che sono coordinati dal Numero verde nazionale.
I palloncini arancioni, in questo contesto, costituiscono un vero e proprio simbolo dell’evento recante il messaggio #liberailtuosogno.

“Un messaggio – ha dichiarato il presidente di Proxima Ragusa, Ivana Tumino – che fa riferimento alla liberazione simbolica del sogno di migliaia e migliaia di bambini perché non dimentichiamo che ci sono tante persone, uomini e donne, anche più vicino di quello che si immagina, che quotidianamente sono trasferiti con l’inganno dal loro Paese di origine in un altro allo scopo di essere sfruttati negli ambiti della prostituzione, dello sfruttamento lavorativo, delle economie illegali, dell’accattonaggio forzato o del traffico di organi.”

L’occasione è servita per far conoscere anche l’iniziativa degli orti sociali, all’appuntamento hanno partecipato l’assessore ai servizi sociali del Comune di Ragusa, il dr Luigi Rabito, e il consigliere delegato del Sindaco, per lo stesso settore, Luca Rivillito.

Il Comune di Ragusa, infatti, è partner del progetto Fari 3 finanziato dal dipartimento per le Pari opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri. Il Comune, inoltre, da sempre cofinanzia i progetti della cooperativa.
E’ stato il responsabile degli orti sociali, Marcello Firrincieli, ad illustrare ai due rappresentanti dell’ente di palazzo dell’Aquila le caratteristiche di una realtà le cui coltivazioni sono curate sempre più con soluzioni all’avanguardia e che spaziano riferendosi a varie tipologie di raccolta. Ora, in più, si cercherà di produrre in serra senza il vincolo stagionale.
“Gli orti sociali Proxima, per quanto ci riguarda – aggiunge il presidente Tumino – rappresentano la nostra personalissima strada verso la libertà. Infatti, promuoviamo il reinserimento lavorativo e l’integrazione sociale dei nostri beneficiari grazie al servizio reso alla comunità.
Un percorso che è stato molto apprezzato sia dall’assessore Rabito che dal consigliere Rivillito. L’auspicio è dunque che la cooperazione tra il Comune e Proxima possa consolidarsi sempre di più anche in vista dei futuri progetti. E, naturalmente, la presenza dei palloncini arancioni ha reso questo momento ancora più effervescente”.

Ultimi Articoli