Le grosse perplessità di Fratelli d’Italia per l’applicazione dell’atto di indirizzo per la riqualificazione di due piazze cittadine

Avevamo intuito, già sul nascere, le difficoltà e le lungaggini che avrebbe incontrato l’atto di indirizzo di Fratelli ‘Italia, attraverso il consigliere comunale del partito Rocco Bitetti, per la riqualificazione delle piazze Solferino e Lupis.
Conoscendo i soggetti dell’amministrazione, che già, in partenza avevano derubricato il concorso di idee a semplice ascolto delle istanze dei cittadini, in sostanza la solita soluzione paesana e sotto controllo totale dell’assessorato, tanto cara per le opere pubbliche della città, si era consapevoli che si sarebbe trattato della solita opera merito delle strategie di rigenerazione urbana dell’amministrazione, senza apporto di professionalità creative esterne e, per quanto possibile, senza eccessivi riconoscimenti per i proponenti l’iniziativa.
Da Fratelli d’Italia, nonostante conclamate valutazioni sulla natura del sindaco e della sua amministrazione, più volte esternate anche dalla deputazione locale, cantavano vittoria per l’approvazione dell’atto di indirizzo.

Oggi, la nota che appresso pubblichiamo:

Riqualificazione Piazza Solferino e Piazza Lupis. FdI: “tutto tace”.

La nota del coordinamento cittadino di FdI Ragusa:

“Sono già trascorsi sei mesi dalla presentazione del nostro atto di indirizzo con cui chiedevamo un concorso di idee per riqualificare Piazza Solferino e Piazza Lupis.

Nella seduta dell’11/12/2023 il consiglio comunale ha approvato l’atto di indirizzo, che nella sua versione originale prevedeva un concorso di idee, stralciato ed emendato dalla maggioranza con un generico “ascolto dei cittadini”.”

“Purtroppo, a sei mesi da quella data, non è dato sapere, ufficialmente, come e quando l’amministrazione avvierà tale “ascolto dei cittadini” e con quali criteri e strumenti selezionerà eventuali idee.
Ci giunge voce, inoltre, che l’assessore ai centri storici abbia già incontrato informalmente alcuni residenti del quartiere ecce homo per presentare degli interventi di riqualificazione. E allora ci chiediamo: quali sono, se ci sono, questi progetti? Come è avvenuto il coinvolgimento dei cittadini?

“Abbiamo, quindi, depositato tramite il nostro consigliere Bitetti una interrogazione, nella speranza che tutti questi dubbi vengano dipanati.”

Ultimi Articoli