L’OIPA, tramite il Presidente nazionale, chiede rettifica per un passaggio di un comunicato stampa del Comune di Santa Croce Camerina

Con una nota stampa del 23 novembre 2023, Massimo Comparotto, Presidente dell’Oipa Italia, ha richiesto una rettifica in merito a quanto riportato da un comunicato stampa del Comune di Santa Croce Camerina, a firma dell’esperto del Sindaco della stessa cittadina per la comunicazione.
Riportiamo il testo della richiesta di rettifica, ancorché viene erroneamente indicato che il passaggio contestato sarebbe da ascrivere a dichiarazioni del Sindaco di Santa Croce Camerina.
Ancora si deve rilevare che nella nota del Comune non si fa cenno a intervento delle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), come invece sostenuto nella richiesta di rettifica, mentre si parla solo di “segnalazione dell’OIPA” alla quale sarebbe seguito intervento della Polizia municipale di Santa Croce Camerina insieme al servizio veterinario dell’Asp.

Questa la nota di richiesta di rettifica dell’OIPA:

Nota stampa
23 novembre 2023
RICHIESTA DI RETTIFICA. GATTI E CANI INGABBIATI. LA DENUNCIATA NON È VOLONTARIA OIPA, COME AFFERMATO DAL SINDACO DI SANTA CROCE CAMERINA
Il sindaco di Santa Croce Camerina (RG), Giuseppe Dimartino, ha dichiarato che la persona denunciata dopo l’intervento delle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che ha portato alla luce la crudele vicenda di gatti chiusi in trasportini di ferro morti o moribondi e cani in estrema sofferenza chiusi con teli oscuranti in spazi angusti, sarebbe “volontaria dell’Oipa”.
Quanto dichiarato dal sindaco non corrisponde alla realtà, come dimostra il fatto che è stata la stessa associazione a eseguire l’intervento con la polizia municipale, e la stessa associazione ha firmato la denuncia.
L’indagata, più volte segnalata dalle guardie zoofile Oipa, è stata in passato una semplice iscritta all’Oipa e non ha mai condotto attività in nome dell’associazione.
Nove cani ora sono stati trasferiti in una struttura a circa 150 chilometri da Ragusa, a Piazza Armerina; quindi, i volontari avranno una certa difficoltà a fare in modo che i poveri animali possano trovare una buona adozione.

Per opportuno riscontro, pubblichiamo testo integrale della nota del Comune di Santa Croce Camerina, a firma dell’esperto del Sindaco per la comunicazione:

Animali in pessime condizioni igienico-sanitarie, scatta denuncia
Sarà denunciata all’autorità giudiziaria la persona che deteneva, in territorio di Santa Croce, 24 animali in totale in pessime condizioni igienico sanitarie. A seguito della segnalazione dell’Oipa, la Polizia municipale di Santa Croce Camerina insieme al servizio veterinario dell’Asp, si è recata nuovamente nel sito dove gli animali, 21 cani e 3 gatti, erano detenuti: la stessa struttura dove, peraltro, lo scorso mese di aprile, gli stessi vigili urbani erano intervenuti, diffidando la persona in questione che risulta, tra l’altro, volontaria della stessa Oipa. Nove cani, regolarmente microchippati ed intestati ad altre persone, sono stati restituiti ai legittimi proprietari, gli altri sono stati intestati al Comune di Santa Croce Camerina e sono stati trasferiti presso idonea struttura a Piazza Armerina.
“Al termine dei sopralluoghi – dice il sindaco Peppe Dimartino – la nostra Polizia municipale, insieme al servizio veterinario dell’Asp, hanno proceduto alla risoluzione del grave stato in cui si trovava il sito. Invito coloro i quali fossero interessati all’adozione di contattare i nostri uffici per avere tutte le informazioni del caso”.

Ultimi Articoli