Movimenti parchi e lenti, come su una barca , ma l’amministrazione Cassì segna due punti a favore

I risultati sembrano non arrivare, in qualche settore, ma all’interno della complessa macchina che guida la città e che vede al timone il Sindaco Cassì c’è anche una schiera di validissimi tecnici che istruiscono pratiche con successo.
Intanto, sia pure con ritardo rispetto all’urgenza dell’emergenza più volte evidenziata, sono stati aggiudicati i lavori di realizzazione di una rotatoria per l’incrocio fra la provinciale per Santa Croce Camerina e l’accesso al nuovo ospedale di Ragusa e al l’unico Pronto Soccorso della città.
L’opera pubblica è destinata a rendere più sicuro il transito veicolare in una zona in cui sono presenti diversi svincoli stradali.
È stato approvato l’esito delle operazioni di gara relative alla procedura negoziata, senza pubblicazione del bando e preceduta da manifestazione di interesse, per l’affidamento dei lavori di sistemazione della viabilità di contrada Cisternazzi.
Con determinazione dirigenziale n. 55 del 6 gennaio del Settore X – Contratti infatti, è stata dichiarata aggiudicataria di detto intervento l’impresa Antinoro Vincenzo Domenico di Mussumeli ( CL) per il prezzo di € 232.857,01 oltre IVA al netto del ribasso offerto del 26,111% sull’importo a base d’asta di € 308.467,00.
“Quello che andremo ad eseguire – ha dichiarato l’assessore ai lavori pubblici Gianni Giuffrida – è un progetto di straordinaria importanza, soprattutto per la sicurezza stradale, ritenuto dall’Amministrazione comunale una tra le opere pubbliche programmate che riveste carattere di priorità.
Sulla provinciale, infatti, in prossimità dello svincolo che porta al nuovo Ospedale Giovanni Paolo II, verrà realizzata una rotatoria che disciplinerà e renderà più sicuro il flusso veicolare in una zona molto transitata
“Non sarà una semplice rotonda – ha aggiunto il Sindaco Cassì – ma uno snodo che renderà sicura l’area, migliorerà la viabilità e garantirà accesso agevolato ai mezzi di soccorso.
Ci è sembrato doveroso dare la priorità a quest’opera pubblica tra le diverse pronte a partire.”

Arriva sempre dai qualificati uffici tecnici del Comune di Ragusa, coordinati dall’assessore Giuffrida, un’altra notizia per il finanziamento ottenuto per un progetto redatto dall’ottimo ing. Corallo con la collaborazione del geom. Guardiano.
5.000.000 di euro di finanziamento, si presume comunitario, (ma come al solito la comunicazione dello staff del sindaco è carente, non indica la essenziale fonte di finanziamento NdR) per riqualificare e valorizzare il territorio rurale, vastissimo, del nostro comune, che occupa il 95% della superficie.
Un territorio rurale di rara bellezza e particolarità naturalistico ambientale che va tutelato, con le sue vallate che lo penetrano e un reticolato di sentieri, di cave, di muri a secco, di latomie e di carrubi che sono oggetto delle attenzioni del progetto che può essere apprezzato, nella sua interezza, al link https://bit.ly/39isJbc
Nella fertile mente del primo cittadino prende corpo e forma l’ECOMUSEO, che servirà per valorizzare e tutelare l’identità del territorio, le nostre radici, il nostro paesaggio e l’ambiente della nostra terra in generale.
Nella visione della squadra del Sindaco Cassì tanti interventi, per valorizzare, tramite riqualificazione degli accessi, il Riparo sotto roccia, il sito preistorico fra i più prestigiosi d’Europa, le Latomie di cava Gonfalone, la Grotta delle Trabacche, tanti ipogei, i vari percorsi che portano alle masserie e alle ville rurali dell’aristocrazia locale, il tutto nell’obiettivo di incrementare l’attrattività turistica del territorio.

Ultimi Articoli