Parcheggio pluripiano di piazza del Popolo: ripristinata la tariffa normale, 1 euro /h fino a un massimo di 10 euro nelle 24 ore

Dopo un lungo periodo di tariffa promozionale, si pagavano 2 euro al giorno, tariffa che era stata istituita di concerto con l’amministrazione con l’avvio del servizio navetta per Ibla, promozione che era stata anche prolungata in periodo Covid, si torna alla tariffa normale di 1 euro / ora con un massimo di 10 euro nelle 24 ore, dal 1° luglio
Ancora irrisolto il contenzioso fra la ditta che gestisce i parcheggi pluripiano, la SISOSTA di Catania, il Comune, in evidente difficoltà, prende tempo e rimanda un incontro teso a cercare una soluzione bonaria.
In questi giorni ci dovrebbe essere anche l’apertura delle buste per il nuovo appalto delle linee blu che si spera sia caratterizzato da una gestione migliore nell’interesse dei cittadini.
In passato si era parlato di forte riduzione delle aree di sosta a pagamento ma si vede che ha prevalere sono stati gli interessi economici e la tutela dei livelli occupazionali; l’assessore al ramo ha garantito che ci saranno novità in ordine alle agevolazioni per i dipendenti, pubblici e privati, che sono costretti a parcheggiare per buona parte della giornata.
Di certo con un trasporto pubblico sempre all’anno zero è impossibile evitare il tappeto di auto in sosta che opprime il centro storico, ma le troppe agevolazioni e il numero ridotto di spazi a pagamento rendono quanto mai scarsamente remunerativo l’appalto per le linee blu, determinando, quasi sempre, un irrigidimento del gestore che si sente autorizzato a non rispettare tutti i termini del contratto.
In ogni caso sarebbe conveniente studiare ipotesi alternative, perché gli stalli di sosta a pagamento nascono per favorire un ricambio veloce delle vetture parcheggiate, al fine di facilitare la sosta, non per essere destinati a utenti che parcheggiano alle 8 del mattino e se vanno alle 14.
Si spera che la nuova pianificazione degli stalli di sosta a pagamento risulti più funzionale, per evitare spettacoli come quelli del ponte San Vito perennemente vuoto nelle aree di sosta a pagamento, a cui faceva da contraltare la sosta selvaggia di vetture in via Mariannina Coffa, nelle adiacenze di piazza San Giovanni e nelle adiacenze del palazzo comunale.

Ultimi Articoli