Per i mercati settimanali, balletto di ordinanze e comunicati in stile Presidenza del Consiglio

Intensa attività dell’assessore Giovanna Licitra per venire incontro alle esigenze degli ambulanti che danno vita ai mercai settimanali.
Firmata una prima ordinanza sindacale, la n. 284, che era entrata in vigore mercoledì 20 maggio, efficace fino al 7 giugno
Il provvedimento richiamava il DPCM del 17 maggio 2020 e teneva conto altresì della ordinanza contingibile ed urgente della Regione Siciliana n. 21 del 17 maggio 2020; indica, tra l’altro, le misure generali da adottare nel corso dello svolgimento dei mercati settimanali come il contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi nelle aree in cui si svolgono tali attività.
L’ordinanza prevede altresì il mantenimento delle distanze interpersonali, un’ampia disponibilità dei sistemi di disinfezione delle mani, l’uso dei guanti usa e getta nelle attività di acquisto.
Il provvedimento sindacale prevede specificatamente anche le misure a carico dei titolari del posteggio e quelle invece a carico degli utenti dei mercati.
Come aveva sottolineato l’assessore, solo 4 mercati, quello di via Giardino di Ibla del lunedì, quello di via Caboto di Marina di Ragusa del martedì, quello del Selvaggio del mercoledì e quello di via Paestum del sabato, sarebbero stati dedicati al settore alimentare e non alimentare, in quanto possibile, in base alle caratteristiche delle aree i cui si svolgono le attività, potere garantire quelle prescrizioni previste, necessarie ad operare in piena sicurezza.
Negli altri mercati settimanali, nelle more dell’adozione di nuove disposizioni nazionali e regionali, sarebbe stata consentita la vendita solo di prodotti alimentari ed agricoli”.

L’assessore Licitra aveva ritenuto opportuno inviare una comunicazione agli ambulanti assegnatari di posteggi dei vari mercati per spiegare nel dettaglio il contenuto del provvedimento:
“Vi inoltro – ha scritto l’amministratore comunale – l’ordinanza e le planimetrie di alcuni dei mercati di Ragusa che, oltre a contenere l’informazione sulle attività settimanali che riaprono anche ai non alimentari, detta anche le direttive su come disporsi all’interno dei mercati.
Non è stato facile arrivare a questo ampliamento per i mercati di lunedì a Ibla, martedi a Marina, mercoledì e sabato a Ragusa; altri Comuni, basandosi sull’autonomia lasciata dal Presidente della Regione ai Sindaci, stanno mantenendo più restrizioni rispetto a noi.
Vi invito pertanto ad avere pazienza ed attenervi alle regole, prima fra tutte il distanziamento.
Proprio perché rispettiamo il lavoro di tutti voi, saremo rigidi nel rispetto delle regole in quanto non vorremmo tornare indietro su questa ordinanza.
Tutto questo significa che dovete fare ancora un piccolo sacrificio, per esempio, non pretendere di posizionarsi nei posti tradizionalmente assegnativi, ma secondo le indicazioni contenute nell’ordinanza.
Il settore A dell’abbigliamento al mercato del mercoledì dovrà, come hanno fatto tutti, distanziarsi (magari montando 1 metro in meno di espositore) e posizionarsi dove sarà indicato dalla Polizia Municipale.
Per quanto riguarda il mercato del sabato si potrà utilizzare una sola corsia e nessun operatore (che sia alimentare o no) potrà essere certo di mantenere il suo posto originario.
Dovete comprendere che si tratta di una situazione di emergenza – sottolineava la titolare della delega allo sviluppo economico; ho avuto modo di conoscervi nel corso di questi mesi ed ho capito che siete tutte persone di buon senso e non potrebbe essere diversamente visto il sacrificio che avete già fatto con la sospensione. Rispettando le regole però, sono sicura che ripartiremo bene, presto e tutti”.

Nella comunicazione agli ambulanti si paventava il rischio di tornare indietro sull’ordinanza: invece in puro stile emergenza coronavirus, che ha caratterizzato il susseguirsi di Decreti, Ordinanze e Decreti-legge,
non solo non si è tornati indietro ma cisi è spinti oltre, comunicando semplicemente che l’Amministrazione comunale ha deciso di modificare la predetta ordinanza, emanando una nuova ordinanza sindacale con la quale si statuisce di ampliare nei mercatini rionali la vendita anche per i generi non alimentari, dopo una conferenza di servizio, all’assessorato allo sviluppo economico, con la presenza degli operatori dei mercati per discutere le problematiche applicative connesse alla ordinanza sindacale n. 284/2020 ed in particolare sulle limitazioni imposte relativi ai generi non alimentari esclusi da alcuni mercatini rionali.
Come per incanto, spariscono le limitazioni e il Sindaco ha emanato, in via sperimentale, una nuova ordinanza, la n. 287/2020, con decorrenza 21 maggio fino al 7 giugno 2020, con la quale si è statuito di ampliare nei mercatini rionali la vendita anche per i generi non alimentari prevedendo ulteriori misure indicate nella stessa nuova ordinanza
Quale ulteriore misura di contenimento Covid viene stabilito che, ad eccezione del mercato settimanale del mercoledì, sono sospesi i sorteggi degli ambulanti ai mercati rionali settimanali.

Nel frattempo, la Giunta Municipale con delibera n.154 del 21 maggio ha approvato un provvedimento a sostegno delle attività di somministrazione con il quale si prevede l’ampliamento dei dehors e per quelle di non autorizzate alla somministrazione la possibilità di potere essere autorizzate ad occupare degli spazi esterni limitatamente al prospetto dell’esercizio stesso.
Al riguardo l’assessore Licitra ha voluto sottolineare che l’amministrazione è impegnata nella ricerca delle azioni più adeguate a sostenere il tessuto produttivo della città.
“Per le attività di ristorazione si introduce la possibilità di ottenere l’ampliamento delle aree dehors e una procedura semplificata per autorizzarli, che sarà applicata anche alle nuove richieste di concessione.
Nella delibera di Giunta adottata, una opportunità anche per gli esercizi dello stesso settore che non hanno l’autorizzazione alla somministrazione per i quali è stato prevista l’autorizzazione ad utilizzare uno spazio pubblico lineare lungo la facciata esterna al loro locale per posizionare tavoli di appoggio per consumare un prodotto all’esterno del locale in maniera veloce. Tutti saranno esenti naturalmente dal pagamento della tassa sul suolo pubblico (tosap) al momento sino al 31 ottobre, grazie alla previsione de DL di Rilancio.”
“Questa prima azione – ha aggiunto l’assessore Licitra – vuole rappresentare, per le attività alle quali è rivolta, un aiuto concreto e un incoraggiamento ai consumatori a poter ritornare in tutta sicurezza a frequentare ristoranti, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, e tutte le altre tipologie di attività del settore”.

“Dal momento stesso in cui le associazioni di categoria hanno manifestato la richiesta di ampliare l’utilizzo degli spazi esterni come compensazione alla perdita di coperti interni per attività di ristorazione, somministrazione e non solo – ha aggiunto l’assessore alla polizia municipale, turismo e centro storico Ciccio Barone – ci siamo subito attivati con un lavoro di squadra.
Insieme a Polizia Municipale e Ufficio tecnico abbiamo realizzato in questi giorni sopralluoghi mirati a Ragusa, Ibla e Marina, valutando insieme ai diretti interessati i possibili spazi di ampliamento, attigui o contigui, per ogni singola attività. Sono convinto che perfino in questa crisi la bellezza del nostro territorio possa aiutarci a generare nuove opportunità e nuove modalità di consumo in sicurezza.”

Ordinanza sindacale n.284 sui mercati settimanali

Ordinanza 287- 2020 – Modifica ordinanza 284 (1)

Ultimi Articoli