Progetto ‘Discovery Ragusa’, il 3 x 2 delle notti in albergo, sarebbe un fallimento per il 5 Stelle Firrincieli

L’assessore al turismo Barone parla di tutto esaurito, a Marina di Ragusa, nelle strutture ricettive, almeno nei fine settimana, già dal mese di luglio.
Nessun rilievo negativo neanche da parte dei rappresentanti dei comuni di Comiso, Scicli e Santa Croce che partecipano all’iniziativa.
Naturalmente, si attenderà un consuntivo alla fine dell’anno, con il resoconto delle spese effettuate dai Comuni, quelle relative alla promozione e alla pubblicità.
Logico attendersi anche notizie sul gradimento dell’operazione da parte delle strutture ricettive che hanno aderito.
In generale, pare che la stagione vada avanti per il meglio, con numeri inaspettati, e con presenze su Marina di Ragusa che superano ogni più rosea previsione.
In verità a,ndrebbe verificato l’andamento della stagione in città e a Ibla in particolare, dove oltre al lavoro generale dell’assessorato, c’è il CCN Antica ibla che, da tempo, con il supporto dell’assessore allo Sviluppo economico, si interessa di turismo e di piani strategici dedicati, tutte cose, di cui, alla fine, si spera di avere dettagliato resoconto in termini di risultati.

Intanto, per il capogruppo 5 Stelle al Consiglio comunale, Sergio Firrincieli, non sembra che l’iniziativa del 3 x 2 vada per il meglio.
Per Firrincieli, solo una ventina di strutture ricettive hanno aderito all’iniziativa, nonostante gli annunci e le conferenze stampa, ma serve ricordare che, in occasione della venuta a Ragusa dell’assessore regionale al turismo, Messina, nessuno dei rappresentanti delle strutture ricettive ha eccepito nulla sull’iniziativa.

L’iniziativa si sarebbe rivelata un flop, per Firrincieli nessun turista ha aderito alla promozione, non ci sarebbero nemmeno termini chiari sul bando riservato ai taxi e agli NCC e alle agenzie di trasporto turistico che dovevano provvedere ai transfer dall’aeroporto di Comiso e dal porto di Pozzallo, in pratica sarebbe poco chiaro in che modo il servizio debba essere garantito e quali dovrebbero essere le modalità.
Tutto questo, secondo la segnalazione di Firrincieli, ma non ci sono segnali di eccezioni da parte delle strutture ricettive, da parte di turisti e da parte dei tassisti e degli altri operatori del trasporto turistico, né, tantomeno, da parte degli assessori degli altri comuni.

In pratica, se sono vere le perplessità del capogruppo 5 Stelle, ci troveremmo di fronte ad un gigantesco fenomeno di inettitudine e di totale inadeguatezza al ruolo di assessori dei vari comuni, operatori turistici e del settore ricettivo, e agenzie di viaggio che, ci pare, erano coinvolte nell’operazione.

Quanto alla scarsa partecipazione delle strutture ricettive, il fenomeno va a danno delle stesse, con l’aggravante di non aver eccepito nulla, nonostante i loro rappresentanti abbiano partecipato alle riunioni.
Anche in questo caso, il consigliere Firrincieli si muove in termini di sensazioni, dice “sembra, tra l’altro, che molte strutture non abbiano avuto contezza della modalità con cui possono partecipare e attraverso cui è possibile esperire la promozione” ma non cita casi precisi a supporto di quello che sostiene.

Afferma ancora che risulta già fruibile è il servizio di guide turistiche, ma non riporta dichiarazioni ufficiali delle stesse su come stanno andando e cose.
Utilizza ancora il condizionale quando scrive: “Qualcuno potrebbe obiettare che si cercherà di puntare sulla destagionalizzazione, quindi con prenotazioni a settembre e ottobre.”
Ma si impelaga in un contorto discorso su avvio dell’anno scolastico, ma il turismo destagionalizzato non è quello delle famiglie con figli in età scolare, e avanza lo spettro dell’incremento dei contagi che potrebbe limitare gli spostamenti di carattere turistico

Tutto per dimostrare assenza di strategia e di programmazione da parte dell’amministrazione, mentre è l’occasione per esaltare il bonus vacanze, predisposto dal Governo nazionale, utilizzato da molti turisti nelle nostre zone.

Ultimi Articoli