Sopralluogo al cantiere del campo di rugby degli assessori Spata e Giuffrida

Gli assessori del Comune di Ragusa, allo Sport, Eugenia Spata, e ai Lavori Pubblici e all’Edilizia Sportiva, Gianni Giuffrida, hanno effettuato un sopralluogo al cantiere dell’impianto sportivo dedicato al rugby di via Forlanini.
Alla presenza di alcuni giornalisti, invitati per l’occasione, sono stati accolti dal progettista, l’ing. Vincenzo Tumino e dal rappresentante dell’Associazione Temporanea di Imprese formata da I.CO.SER. s.r.l. quale capogruppo e dalla D.P.V. Montaggi s.a.r.l. che è risultata aggiudicataria dell’opera pubblica con il ribasso del 37,8935% sull’importo a base d’asta di € 1.279,210,79.
Dopo il periodo di fermo dei lavori per l’emergenza coronavirus, l’impresa ha ripreso l’attività a pieno regime, anche tenendo conto che, come ha voluto sottolineare il progettista, c’è l’esigenza di consegnare almeno il terreno di gioco, del tutto ristrutturato, prima dell’inizio del campionato.
In questo periodo di ripresa dell’attività amministrativa, gli assessori Spata e Giuffrida si ritrovano spesso a fare sopralluoghi, in quanto sport e contrade vanno di pari passo con la necessità di interventi di competenza dei lavori pubblici e dell’edilizia sportiva, tutti settori sui quali l’amministrazione del Sindaco Cassì pone particolare attenzione.
Quello di stamattina, un incontro per verificare lo stato di avanzamento dei lavori nel campo di rugby che, grazie ad un finanziamento regionale degli anni passati, come ha sottolineato l’assessore Giuffrida, diventerà uno degli impianti sportivi della città più eleganti e funzionali.
Così lo ha definito l’assessore Spata che lo considera uno degli impianti fiore all’occhiello di Ragusa per il quale va dedicata grandissima attenzione anche per il valore sociale dell’attività giovanile che la locale società di rugby cura in maniera particolare.
L’assessore Giuffrida e il progettista, ing. Tumino, hanno evidenziato ai giornalisti presenti, le peculiarità dei lavori che interessano, in particolare, la realizzazione di un fabbricato, nell’ampio spazio interno del lato sud, che sarà dedicato alla preparazione atletica prepartita e al tradizionale ‘terzo tempo’, il classico dopopartita del rugby, che vede unite le squadre che si sono affrontate in campo, assieme i tifosi.
Ancora è prevista la copertura parziale della tribuna, rivista sotto l’aspetto architettonico, ai fini di una estetica meno impattante, copertura che sarà anche dotata di pannelli fotovoltaici.
Il lavoro più impegnativo è quello del totale rifacimento del campo di gioco, con la copertura in erba sintetica, e un nuovo impianto drenante, necessario anche con il sintetico per mantenere il tappeto in condizioni ottimali.
L’assessore Giuffrida ha poi voluto soffermare l’attenzione sul progetto di ‘apertura’ dell’impianto all’esterno, sarà eliminato, in buona parte, il muro perimetrale dell’impianto che separa lo stesso dalla città.
L’assessore, già in fase progettuale, ha previsto di creare le condizioni per la percezione di quello che si fa all’interno dell’impianto, un po’ sulla falsariga di quanto avviene per il campo ENAL.
L’ing. Tumino ha parlato dei contatti con la Federazione Italiana Rugby che ha fornito i ragguagli necessari per adeguare i lavori alle ultime normative, quali per esempio l’interposizione nella copertura del terreno di gioco di uno strato morbido adeguato per attutire le cadute, tutti accorgimenti indispensabili per la necessaria omologazione dell’impianto.
In chiusura dell’incontro, l’assessore Spata ha voluto significare l’impegno dell’amministrazione per seguire i lavori al fine di poter offrire l’impianto pronto alla città e agli sportivi, in vista del prossimo inizio dei campionati e dell’attività sportiva giovanile.

Ultimi Articoli