Spiagge aperte a Marina di Ragusa nelle serate del 10 e del 14 agosto

Indiscutibilmente, una decisione difficile, destinata, comunque, a suscitare valutazioni diverse.

Il Sindaco di Ragusa, Peppe Cassì, dopo attenta valutazione dei pro e dei contro di un provvedimento di interdizione dell’accesso alle spiagge nelle notti di San Lorenzo e di Ferragosto, ha deciso, anche in controtendenza con le scelte di alcuni colleghi sindaci di comuni della provincia, di consentirne la fruizione.
La scelta è determinata dalla valutazione degli effetti che potrebbe avere il divieto di ingresso nelle spiagge, per evitare che il rischio di assembramenti in spiaggia si correrebbe il rischio di concentrazione dei giovani sul lungomare, nelle piazze e nei locali, dove sarebbe più complicato, per ragioni diverse, rispettare i limiti del distanziamento.
Purtroppo, desueto pensare, come sostiene il Sindaco, che i giovani possano comprendere la delicatezza del momento, come hanno ampiamente dimostrato finora, e possano evitare di andare in giro con gli amici, una volta interdetto l’accesso alle spiagge.
Nella scelta del primo cittadino c’è l’auspicio che, consentendo l’accesso alle spiagge, risulti aumentato lo spazio disponibile, limitando, di fatto, il rischio di assembramento, inevitabile negli spazi comunque più ristretti del centro abitato.
E’ una decisione difficilmente contestabile, dal momento che è assodata l’impossibilità di controllare la massa di giovani che quotidianamente si riversa, a Marina di Ragusa, nelle zone della movida.
La scelta del Sindaco, al momento, è stata resa nota con un post sulla sua pagina facebook, prevedibile che ci sarà un comunicato dell’Ufficio Stampa del Comune a confermare l’anticipazione.
Naturalmente, il Sindaco ha sottolineato che non ci saranno sconti sul rispetto delle prescrizioni anticontagio, prima tra tutti l’obbligo del distanziamento e l’uso delle mascherine, come pure ha ribadito che ci sarà il divieto di accendere falò o montare tende.
Già diverse ore prima di sera, personale addetto della Polizia Municipale e della Protezione Civile, con il supporto di associazioni di volontari dotati di specifica autorizzazione, presidieranno tutti gli accessi alle spiagge libere ed impediranno l’ingresso di legna, tende o altro materiale non idoneo.
“L’amministrazione potrà contare anche sul supporto delle Forze dell’Ordine durante tutta la notte, pronte a sanzionare duramente chi sgarra, ma è chiaro che tutti dovranno collaborare, in un momento in cui si assiste a una crescita della curva dei contagi: i ragazzi devono rispettare le regole e i genitori aiutarli a comprendere che non siamo ancora fuori pericolo” ha concluso il Sindaco.

Coerentemente con questo tipo di scelta, l’amministrazione ha lasciato immutato il programma degli spettacoli dell’Estate Iblea, secondo il principio che accessi contingentati e controllati, numericamente in linea con le disposizioni di sicurezza attualmente vigenti possano consentire il regolare svolgimento degli eventi, con rigidi criteri di contenimento dei rischi di contagio

Ultimi Articoli