Tutto il mondo è paese, anche a Modica criticità per crisi idrica e scerbatura, è sempre solo il PD a farsi sentire

Come a Ragusa, anche a Modica le solite criticità, per l’approvvigionamento idrico, per la mancata pulizia delle strade da erbacce e sterpaglie.
E, come a Ragusa, sono sempre i consiglieri comunali del Partito Democratico, a fare rilievi e a chiedere conto agli amministratori.

A Modica, il Consigliere comunale PD, Giovanni Spadaro, sforna, di continuo, interrogazioni su problematiche emergenti.
In una, rivolta al Presidente del consiglio comunale e all’assessore all’Ambiente di Modica, Spadaro rileva come, da diversi giorni, per non dire settimane, riceve, quasi giornalmente, segnalazioni di strade e/o vie della città che necessitano di essere scerbate, scerbatura che è un servizio che i cittadini pagano con la TARI.
Il consigliere PD sottolinea che, nel Capitolato speciale d’appalto, alla voce “Spazzamento stradale”, vi è scritto che nello spazzamento stradale è previsto il diserbo/scerbamento e in più, nell’allegato “Descrizioni e caratteristiche dei servizi”, si prevede che il diserbo/scerbamento consiste nella rimozione della vegetazione spontanea che cresce lungo i cigli delle strade, delle aiuole e degli spazi pubblici nei centri abitati in cui viene effettuata la raccolta. Il tutto dovrebbe essere eseguito secondo un calendario giornaliero.
Spadaro chiede, quindi, di conoscere detto calendario giornaliero del servizio di scerbatura e quali sono i motivi del disservizio ripetutamente segnalato dai cittadini.
Inoltre, chiede di sapere se per questo disservizio viene applicata una penale per la ditta appaltatrice del Servizio di Raccolta degli R.S.U.

Altra interrogazione è stata rivolta da Giovanni Spadaro al sindaco di Modica e al Presidente del Consiglio Comunale, per segnalare disservizi idrici in alcune vie del quartiere Dente per problemi legati alla condotta di adduzione del Pozzo Di Giacomo, per i quali i cittadini sono costretti ad avvalersi delle forniture di acqua a mezzo autobotti.
Tali disservizi sono riconducibili allo stato fatiscente della condotta tale da rendere poco efficaci o inutili gli interventi di manutenzione ordinaria. Appare necessario, quindi, per Spadaro, al fine di risolvere il problema, provvedere alla sostituzione della condotta idrica e con l’interrogazione chiede all’Amministrazione se abbia in previsione un intervento in tal senso e in che tempi preveda di eseguirlo.

Ultimi Articoli