Un documento congiunto dei gruppi consiliari PD e Movimento 5 Stelle sulla situazione politica al Comune di Ragusa

Ci perviene un comunicato stampa congiunto, a firma dei gruppi consiliari del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle al Comune di Ragusa.

Il documento dei due principali gruppi delle minoranze in Consiglio Comunale, che commenteremo in altra parte del giornale, intravede una sostanziale e preoccupante situazione di stallo in città, guardando alle difficoltà di una ripartenza che sarebbe resa più difficile da obiettive condizioni di immobilismo.

Questo il testo integrale del comunicato:

Situazione di stallo preoccupante a Ragusa, la ripartenza resa più difficile da obiettive condizioni di immobilismo. La denuncia congiunta dei gruppi consiliari Pd e M5s

Una valutazione dell’azione amministrativa e politica dell’esecutivo cittadino dell’ente di palazzo dell’Aquila risulta condivisa da diversi esponenti delle minoranze consiliari.
“Fra pochi giorni – affermano i consiglieri comunali di Pd e M5s – il secondo compleanno della Giunta Cassì, un periodo, ormai, abbastanza lungo per poter tracciare un bilancio dell’attività che, purtroppo, risulta estremamente negativo. Un consenso iniziale, non plebiscitario ma, comunque, sufficiente per vincere al ballottaggio, si può considerare ormai dilapidato per la delusione provocata non solo nella maggioranza di quelli che erano andati a votare per il sindaco Cassì ma della cittadinanza tutta”.
“Il documento che sottoscriviamo – prosegue la nota – non deve essere considerato come il classico comunicato di opposizione perché si ritiene improduttiva, a questo punto, una normale azione politica di contrasto che non è supportata da numeri sufficienti, anche se le tensioni interne alla maggioranza fanno intravedere possibili scenari di vero cambiamento, quel cambiamento che la gente voleva e che, invece, è stato messo nel cassetto una volta conquistate le poltrone.
Il nostro appello è rivolto a tutte le forze politiche della città perché si riparta a fare politica e a creare un fronte comune per il bene della città stessa.
L’azione della Giunta Cassì, sul fronte politico e su quello amministrativo, si è rivelata inconsistente, i pochi progetti annunciati sono fermi o vanno a passo di lumaca, il programma elettorale è stato dimenticato”.

“Interveniamo ora – spiegano ancora i consiglieri dei due gruppi di opposizione – perché riteniamo che le difficoltà del post emergenza, della ripartenza, costituiranno un peso notevole che aggraverà una situazione di fondo che definire fallimentare non è fuori luogo. Ci sono settori dell’amministrazione che non producono, ci sono uffici apparentemente pieni di lavoro ma non si intravedono risultati.
Non ci sono iniziative autonome, si resta in attesa di misure e provvedimenti superiori, l’accusa di attendismo che qualcuno muove all’indirizzo dei componenti di Giunta è solo una carezza di fronte alla realtà di un immobilismo che fa paura. Non c’è un settore che mostri vitalità propria: la questione discarica sembra insormontabile e siamo succubi delle decisioni palermitane, il settore dell’urbanistica e dei lavori pubblici è nel pallone, Piano regolatore e Piano particolareggiato sono al palo. Il progetto culturale si muove come un pachiderma, l’ultimo dedicato ai locali dell’ex Opera pia era un progetto, già delineato, che doveva essere dedicato all’edificio scolastico del Carmine: non si può affidare un immobile di pregio in pieno centro per soddisfare le passioni e gli hobbies di pochi giovani. Si vanta la centralità dell’immobile rispetto al cinema Marino, all’ex biblioteca, alla parte finale di via Roma, tutti progetti previsti nel programma elettorale, ma dei quali non si sa nulla. Anche i faraonici progetti dell’area dell’ex scalo merci, dell’asse via Risorgimento-Rotonda sono fermi al palo”.

“Il Comune, poi – è precisato ancora – non interferisce per immobili che, ancorché non di proprietà e non di competenza comunale, dovrebbero vedere l’intervento del sindaco per utilizzi confacenti alle esigenze della collettività: ospedale Civile, chiesa e convento di Jesu per il museo archeologico, cinema La Licata e 2000, Palazzo Tumino, l’ex hotel San Giovanni sono spesso argomenti affrontati solo per fare salotto.
Il centro storico è in abbandono, preda di spacciatori, ogni tanto ci parlano della Vallata Santa Domenica, di via Roma, del Ponte Nuovo, annunciando programmi e iniziative, e tutto finisce lì. Non c’è programmazione per il turismo, per lo sviluppo economico, per lo sport, si ignorano la Scuola dello sport e la residenza per anziani di via Berlinguer, non c’è uno straccio di vitalità per incompiute e immobili abbandonati.
Le contrade restano dimenticate, le periferie altrettanto. Le barriere architettoniche, il sociale, la formazione, il lavoro, la scuola, i programmi per le giovani generazioni sono argomenti sconosciuti per questa amministrazione.
Anche se all’inizio del terzo anno di vita l’amministrazione, con un colpo di reni, volesse avere uno scatto di orgoglio, è di tutta evidenza che è troppo tardi per onorare il programma elettorale. Resta solo, per salvare la città, un governo di salute pubblica, con il concorso e la condivisione di tutte le forze politiche, per tentare di salvare il salvabile e garantire alla collettività un futuro accettabile che, al momento, per l’inadeguatezza e l’inefficienza mostrata dalla Giunta Cassì, appare assai complicato da conquistare.
Si deve anche considerare che intestardirsi sulla strada troppo lentamente intrapresa, ostinandosi a continuare su programmi e ipotesi discutibili e opinabili, può portare a grandi incompiute che potrebbero collidere con i programmi di un nuovo sindaco e di una nuova Giunta che potrebbero non condividere una ottica di continuità amministrativa che si troverebbero obbligati a seguire, creando enormi potenziali danni per la città, originati da politiche fantasiose e inefficienti”.

Gruppo consiliare Pd

Gruppo consiliare M5s

Ragusa – 4 giugno 2020

Ultimi Articoli