Un nuovo nome e un grande progetto per la gloriosa Virtus Ragusa che diventa Virtus Kleb Ragusa

Troppo difficili da dimenticare i successi della Virtus Ragusa per non tentare di far rivivere l’entusiasmo e la passione che aveva coinvolto il territorio per anni.
Ci vuole provare l’imprenditrice ragusana Sabrina Sabbatini, la cui famiglia è stata, da sempre, vicina alla pallacanestro maschile ragusana.
Sfruttando rapporti di lavoro con ambienti imprenditoriali dell’Emilia, che sostengono la pallacanestro ferrarese, è nato, non tanto per caso il progetto che porterà la Nova Virtus a partecipare al campionato di serie B nazionale.
La nuova società si chiamerà Virtus Kleb Ragusa, si avvarrà di collaudate professionalità imprenditoriali e sportive, un progetto ambizioso, sarà la fusione tra la vecchia società, guidata da Alessandro Vicari e la nuova cordata trainata da Sabrina Sabbatini. All’interno della società entrano il presidente del Ferrara Kleb Basket che milita in serie A2, Francesco D’Auria, insieme al suo direttore generale Franco Del Moro.
La conferenza stampa di presentazione nell’aula consiliare di Palazzo dell’Aquila, con la partecipazione prestigiosa ma inaspettata dell’Assessore Regionale allo Sport e al Turismo, Manlio Messina, a Ragusa per la presentazione di un progetto turistico dei comuni di Ragusa, Scicli, Comiso e Santa Croce Camerina.
Presenti il Sindaco di Ragusa, Peppe Cassì, tra l’altro vecchia gloria della pallacanestro ragusana e della Virtus Ragusa, l’assessore allo sport del capoluogo ibleo Eugenia Spata, il vicepresidente della Fip Sicilia Salvatore Curella, il Presidente Vicari, Sabrina Sabbatini, Francesco D’Auria e Franco Del Moro.
Saluto introduttivo dell’assessore Messina che ha voluto encomiare il coraggio e la passione che porta degli imprenditori a sostenere lo sport e la grande tradizione del basket ragusano.
Messina ha accennato agli interventi che la Regione vuole attuare a sostegno delle squadre isolane, in particolare agli aiuti per le trasferte che costituiscono una voce importante dei bilanci societari, sottolineando l’impegno che sarà dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi.
Il Sindaco Cassì non ha potuto celare l’emozione e l’orgoglio per questa rinascita della gloriosa società ragusana che potrà tornare a dare lustro alla città, sotto l’aspetto sportivo e sociale, coadiuvata dall’esperienza di una società importante nel mondo del basket nazionale.
Anche l’assessore allo sport Eugenia Spata ha voluto assicurare l’impegno dell’amministrazione per sostenere il progetto, impegno che partirà da una profonda riqualificazione dell’impianto di via Zama che fu, per anni, regno incontrastato del basket siciliano.
Il Presidente Vicari si è detto soddisfatto di poter raccogliere i frutti del duro lavoro svolto, Sabrina Sabbatini ha parlato del progetto innovativo che si vuole portare avanti, sfruttando la fiamma della passione per la palla a spicchi che non è mai venuta meno a Ragusa.
Un progetto che vuole coinvolgere ampi strati dell’imprenditoria locale e si rivolge alla collettività, anche per inglobare, se possibile, altre discipline sportive, sfruttando sinergie economiche fra Ragusa e l’Emilia.
“Questo progetto è ambizioso – ha dettola Sabbatini – perché non guarda al giocatore fine a sé stesso ma vogliamo immaginarlo come uno sportivo che un giorno diventerà qualcuno appunto perché tutti sappiamo che alla fine di una carriera è difficile entrare nel mondo del lavoro. Ecco perché vogliamo prenderci cura di loro a 360 gradi. Vogliamo conoscerli meglio e insieme al tessuto imprenditoriale della zona inserirli in progetti di lunga durata.”
Il Presidente del Ferrara Kleb, Francesco D’Auria, si è detto entusiasta per aver trovato una struttura consolidata, che favorirà ottimi investimenti.
Anche il direttore generale della società estense ha encomiato il tessuto locale, di libello elevato, dove si distinguono competenze, passione e grande entusiasmo.
Accoglie con grande partecipazione il progetto anche il vicepresidente della Fip Sicilia Salvatore Curella che si è detto convinto della bontà dello stesso e dei benefici effetti sulla pallacanestro locale e isolana.
La società virtussina ricorda, altresì, che verrà disputata anche la serie C silver e si daranno maggiori attenzioni al settore giovanile.
Sarà una società a tutto campo che raccoglie quanto seminato con dedizione e fatica in questi anni e che rimarrà punto di riferimento importante per il basket siciliano.
Con l’avvento della serie B a Ragusa si auspica una bella cornice di pubblico che dia carica e motivazione a questa società che sta investendo ora più che mai sul futuro.

Ultimi Articoli