Una lettera del Movimento 5 Stelle di Modica al Sindaco Abbate, con istanze e proposte sull’emergenza Covid

MODICA – Nella consapevolezza della grave emergenza sanitaria in atto e nello spirito di collaborazione tra organi istituzionali rappresentanti dei cittadini, il M5S di Modica, tramite il suo portavoce locale, il Consigliere Comunale Marcello Medica, ha presentato, all’attenzione del Sindaco, Ignazio Abbate, una lettera avente ad oggetto “istanze e proposte relative alla seconda ondata dell’emergenza da Covid-19”.
Nella lettera si evidenzia come da qualche settimana, ormai, anche la città di Modica è stata nuovamente investita dall’emergenza sanitaria provocata dal Covid-19 che, sebbene in misura meno invasiva rispetto alle regioni del Nord dell’Italia, si sta espandendo pericolosamente anche in Sicilia e, in essa, tra i Comuni dell’ex-provincia di Ragusa, alcuni dei quali diventati dei veri e propri pericolosi focolai, tant’è che da qualche giorno Vittoria, ad esempio, è stata dichiarata ‘zona rossa’.
Si fa presente, altresì, che l’emergenza sanitaria in atto, nonostante le misure nazionali già predisposte, rischia di diventare sempre più grave se, contestualmente non vengono adottate altre misure a livello locale in grado di scongiurare l’incremento continuo dei contagi anche a Modica. Inoltre, a causa delle restrizioni già introdotte a livello nazionale, alcune attività stanno soffrendo non poco e richiedono di essere sostenute, oltre che a livello nazionale e regionale, anche a livello comunale.
A tal riguardo, il gruppo Meetup M5S Modica, insieme al suo portavoce, ha elaborato alcune istanze e proposte, ciò nello spirito collaborativo e di unità, così tanto invocato nei giorni scorsi dal Capo dello Stato, nella principale convinzione che in questo delicato momento storico di tragica pandemia occorre più che mai mettere da parte ogni partigianeria politica e lavorare tutti insieme nell’interesse generale.

Ecco, quindi, le istanze e le proposte che il M5S di Modica, per mano del Consigliere Medica, ha già posto all’attenzione del Sindaco e per conoscenza anche della Presidente del Consiglio Comunale con la cortesia a quest’ultima di comunicarle a tutti i Capigruppo consiliari:
1. Alla luce della pericolosità dovuta ai possibili assembramenti in alcune vie, viali o piazze della città e della possibilità per gli amministratori locali di introdurre limitazioni in tal senso, si chiede l’emanazione di un’ordinanza volta alla loro interdizione, come nel caso del lungomare Buonarroti a Marina di Modica già interdetto alla cittadinanza durante la prima ondata dell’emergenza da Covid-19.
2. Alla luce dell’aumento dei contagi e della necessità dei ricoveri ordinari nonché in terapia intensiva, si chiede di continuare a interloquire con la dirigenza sanitaria provinciale e con quella dell’ospedale ‘Maggiore’ per chiedere un ulteriore potenziamento dei posti letto Covid, onde far fronte ad ogni eventuale peggioramento delle crisi in atto.
3. Alla luce delle nuove disposizioni in materia di limitazione di spostamenti da un comune all’altro senza giustificati motivi, si chiede l’intensificazione dei controlli volti ad evitare che cittadini di altri comuni e addirittura di zone rosse, come ad esempio quella di Vittoria, violando le restrizioni nazionali già introdotte, si rechino indisturbatamente a Modica, con tutti i rischi del caso.
4. Alla luce dell’incremento dei contagi, occorre intensificare i controlli in ogni luogo di possibile assembramento, garantendo il distanziamento sociale e l’obbligo della mascherina anche all’aperto, tali azioni di controllo, a nostro avviso, vanno altrettanto abbinate ad azioni di sensibilizzazione attraverso appelli, spot a livello locale e manifesti, volti a spiegare la pericolosità del virus, che sta continuando purtroppo a mietere vittime senza sosta, a chi ancora in modo superficiale continua invece a sottovalutarlo.
5. Alla luce della nuova e pesante crisi, che sta coinvolgendo alcune categorie di operatori economici, a causa dell’introduzione delle nuove restrizioni anti-contagio, si chiede l’introduzione di ulteriori misure agevolative, attraverso un’ulteriore detassazione dai tributi locali cui tali categorie sono soggette.
6. Alla luce delle nuove disposizioni riguardanti la riduzione al 50% del limite di capienza dei passeggeri nei mezzi pubblici, si chiede il potenziamento delle corse del servizio di trasporto pubblico urbano gestito dall’Ast; in questo modo, una maggiore frequenza di corse, nei momenti di maggior affollamento della giornata, garantirebbe un minore afflusso di passeggeri sugli autobus, diminuendo drasticamente il rischio del contagio.
7. Alla luce di diverse segnalazioni riguardanti il trasporto degli alunni della scuola primaria i cui pulmini sarebbero piuttosto affollati e senza un adeguato distanziamento tra i piccoli passeggeri, si chiede di intervenire per garantire il rigoroso rispetto del distanziamento sociale anche riguardo a quest’altro tipo di trasporto pubblico.

Il M5S di Modica, pertanto, a seguito di tal elenco, che è seguito all’ascolto degli umori, dei timori e delle istanze della cittadinanza, non di certo esaustivo e che si aggiunge agli interventi già messi in campo dall’Amministrazione Comunale, e nella consapevolezza che dalla collaborazione ed interazione tra gli organi istituzionali della città si possano trarre maggiori benefici nella gestione dell’attuale emergenza, e a vantaggio di tutti i modicani, auspica che nascano sin da subito altri progetti d’intervento orientati e mirati in primo luogo a frenare i contagi in atto, nonché a dare sostegno a chi oggi si trova a rivivere una situazione di bisogno a causa del violento ritorno della pandemia da Covid-19.

Ultimi Articoli