Comune di Ragusa: approvato il Conto Consuntivo 2020

Seduta del Consiglio Comunale di Ragusa dedicata all’esame e all’approvazione del Conto Consuntivo 2020 che, ancora una volta, l’amministrazione Cassì, per mano dell’assessore Iacono, riesce a presentare e far approvare entro i termini previsti del 30 aprile, ancorché, nella stessa giornata è stata prevista la consueta proroga.
L’ennesimo successo di una amministrazione che, per nulla toccata dai flebili e inefficaci tentativi di opposizione, macina inesorabile le tappe del mandato, con regolarità e sana amministrazione.
I consiglieri comunali hanno avuto a disposizione il consuntivo già dalla fine di marzo, un tempo necessario per mettere insieme eccezioni e rilievi, ove riscontrati, ma la verifica degli equilibri finanziari, economici e patrimoniali non ha messo in luce, evidentemente, nulla di anomalo se nessuno dei consiglieri ha sollevato anche solo critiche per le scelte operate.
Come ha evidenziato il Presidente del Consiglio, Fabrizio ilardo, l’atto è stato illustrato dall’assessore Iacono con una relazione “preziosa, esaustiva e scrupolosa”, che ha messo in evidenza la gestione e le principali attività svolte, con l’illustrazione sintetica di tutti gli indicatori attraverso delle slide che hanno fornito il quadro esatto del saldo di cassa, dei residui attivi e passivi, del risultato di amministrazione, con il quadro delle spese e delle entrate, con specifici raffronti, per ogni voce, con gli anni precedenti, particolari che hanno evidenziato la tenuta dei conti, nonostante il pesante impatto negativo della pandemia per l’anno 2020.
Sostanziale tenuta degli incassi e della riscossione, nonostante il momento non favorevole, razionalizzazione della spesa, parametro di deficitarietà positivo, tutti indicatori di una sana amministrazione, dovuta anche all’eccellente lavoro, professionalmente di alto livello, del dirigente del settore ragioneria, il dott. Sulsenti, al quale vanno anche ascritti gli ottimi risultati ottenuti.
Valutazioni del tutto positive sono state espresse dal capogruppo di maggioranza, avv. Tumino, che ha sottolineato i risultati positivi anche in presenza della grave crisi pandemica e di un calo notevolissimo delle royalties, condividendo con l’assessore la valutazione di una capacità di spesa enorme se raffrontata alle minori entrate.
Il risultato della votazione ha visto la maggioranza compatta nell’approvazione dell’atto che è stato votato positivamente anche dai consiglieri di opposizione Iurato e Malfa. Astenuti i consiglieri D’Asta del PD e Antoci del Movimento 5 Stelle, hanno preferito non votare, abbandonando la seduta i consiglieri Mirabella e Firrincieli.
Unico voto negativo quello del capogruppo del Partito Democratico, Chiavola, che ha sintetizzato in una nota i motivi del suo dissenso per le politiche finanziarie dell’amministrazione.

Per Chiavola, una amministrazione che non ha voluto allentare i cordoni della borsa “proprio nell’anno in cui sarebbe stata necessaria, a causa della pandemia, un’attenzione supplementare per la collettività”.
Una capacità di indebitamento non opportunamente sfruttata, secondo il capogruppo PD, una spesa che si è voluta limitare, come al contrario avrebbe voluto il PD attraverso proposte per sistemazione di alcune arterie viarie in periferia e nelle zone rurali, per la riduzione della Tari ai cittadini che fanno bene la differenziata, con agevolazioni ulteriori e più concrete per le fasce disagiate.
Polemicamente, Chiavola ha ripreso il tema dei mancati sostegni per gli affitti degli esercenti colpiti dalle chiusure o per gli studenti pendolari, una amministrazione che si sarebbe limitata alla distribuzione di fondi dello Stato e della Regione, senza grosso impegno per le casse comunali, una amministrazione definita ‘avara’,

Una posizione, quella di Chiavola, che è quella del PD a livello nazionale e regionale, per una attenzione supplementare verso chi ha subito i danni economici del Covid, che, si deve dire, non si è estrinsecata nelle scelte del governo nazionale dove il PD è parte integrante e prioritaria.

Ultimi Articoli