Da Crocetta un contributo straordinario per il Consorzio Universitario ( ? )

di Cesare Pluchino
Il presidente della Regione avrebbe dato assicurazioni all’on.le Dipasquale per un contributo atto a sanare buona parte delle problematiche economiche. A darne l’annuncio i componenti del gruppo consiliare del PD a Palazzo dell’Aquila

I consiglieri comunali di Ragusa, appartenenti al gruppo del partito Democratico, Giorgio Massari, Mario D’Asta e Mario Chiavola, danno comunicazione “dell’impegno assunto dal Presidente della Regione Crocetta con il deputato regionale del Pd, Nello Dipasquale, per l’erogazione di un contributo straordinario per il Consorzio Universitario Ibleo, finalizzato ad appianare buona parte delle problematiche di ordine economico che, negli ultimi anni, l’ente consortile ha fatto registrare, innescando una serie di problemi non da poco nella gestione della didattica rivolta agli studenti locali e non.
Legittima la soddisfazione dei tre consiglieri perché “grazie a questo intervento sarebbe possibile mettere un punto fermo nell’intricata vicenda della gestione del Consorzio universitario e ripartire da zero con prospettive future che potrebbero diventare molto interessanti ai fini della crescita e dello sviluppo della
Struttura didattica speciale in Lingue.”
Concordiamo con gli stessi per l’apprezzamento nei confronti dell’on.le Dipasquale, sul cui impegno per ‘’portare qualcosa a Ragusa” e, più in generale sul territorio, nessuno ha mai dubitato, per il lavoro politico amministrativo che svolge, fin dal primo momento del suo insediamento a palazzo dei Normanni.
Impossibile pensare altro, semplicemente naturale che un deputato lavori per la sua terra, per il suo bacino elettorale. Ancora di più in questo momento, nel quale il deputato ragusano, dopo aver imposto la sua leadership cittadina, come unico parlamentare siciliano del capoluogo, tende a diventare esponente di spicco del suo nuovo partito, piagato, al momento da mille divisioni.
Ma fino a che punto si potrà avere fiducia nelle promesse di Crocetta e nella sua autonomia decisionale per i noti condizionamenti romani e palermitani del Partito Democratico ?
Dopo il notevole contributo elettorale, dato in occasione delle regionali e delle nazionali, Ragusa ha avuto molto poco, come molto poco riteniamo abbia ricevuto l’on.le Dipasquale, da sempre fedelissimo di Crocetta.
La conferma del finanziamento della legge su Ibla e un manager della Sanità risultano ben poca cosa di fronte all’impegno profuso dalla truppe di Nello Dipasquale.
Il pensiero va alla questione della provincia regionale, ormai commissariata da tempo immemorabile, alle ultime vessazioni subite, per il Consorzio Universitario, dal commissario Floreno, al Corfilac, al sempre rimandato completamento del nuovo ospedale, alla soprintendenza che non riesce ad ultimare la Chiesa e il Convento di santa Maria del Gesù dove dovrà essere trasferito il Museo Archeologico, alle questioni irrisolte delle discariche e della raccolta dei rifiuti che frenano i possibili provvedimenti dell’amministrazione locale. Ci mettiamo anche formazione, trivellazioni, turismo, per completare uno scenario che suscita forti interrogativi sulle scelte dei ragusani che hanno voluto sostenere Crocetta.
Non è solo mancanza di cieca fiducia nei confronti del Presidente, i condizionamenti sono tanti e sono diversi, imprevisti, per cui, oggi, la notizia di un contributo che possa sanare tutte le problematiche economiche ci appare più come una chimera che una realtà da poter concretizzare in tempi brevi.

Ultimi Articoli