Grande successo della Festa dell’Unità di Comiso 2020

“Prosegue l’opposizione costruttiva ad un’Amministrazione latitante e priva di visione e il nostro impegno civico a sostegno delle persone e delle imprese e per l’innovazione e la modernizzazione ecologica della città”

Si è svolta sabato scorso la festa dell’Unità del Partito democratico di Comiso e Pedalino.
L’Evento si è svolto nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anti-contagio, con il rispetto delle distanze, le mascherine l’igienizzazione delle mani ecc.
L’evento ha visto due momenti politici uno sulle vicende politiche locali dal titolo “Sguardi al futuro” e l’altro sui temi più generali di carattere socioeconomiche.
Sono intervenuti il parlamentare regionale Nello Dipasquale, il Segretario di federazione Lino Giaquinta, il candidato a Sindaco di Vittoria Francesco Aiello, il segretario del PD di Vittoria Peppe Nicastro. Al dibattito sguardi al futuro hanno preso parte oltre al segretario cittadino e vicesegretario provinciale, Gigi Bellassai, i consiglieri Fabio Fiachono e Filippo Spataro, il presidente del PD, Gaetano Scollo, la vicesegretaria Giusy Brullo, il responsabile dell’organizzazione Filippo Giardina, componente l’esecutivo Salvo Cappello e il consigliere della lista spiga Gaetano Gaglio.
A conclusione lo spettacolo musicale legato al progetto “Puoi sentirmi ancora” per garantire un adeguato servizio medico-sanitario nelle autoambulanze del 118 che riescano tempestivamente a salvare vite umane.
Nel suo intervento il segretario Lino Giaquinta ha focalizzato l’attenzione sull’azione unitaria della sua segreteria e sulla costruzione di un percorso di innovazione politica e di partecipazione, assegnando un ruolo centrale dei territori nella funzione di radicamento e per la formulazione delle proposte finalizzate alla costruzione dell’alternativa alle destre nell’area iblea.
Nello Dipasquale si è complimentato con il circolo di Comiso per la qualità della classe dirigente e per il costante impegno al servizio del territorio.
“Il partito di Comiso – ha dichiarato Nello Dipasquale – svolge un’attività capillare di ascolto delle esigenze dei cittadini, supportando concretamente la comunità nelle istanze istituzionale e nelle necessità socioeconomiche, soprattutto in questo momento di grande difficoltà.
Il PD è l’unico partito che si confronta con i cittadini e rappresenta nelle varie istanze istituzionale la voce del popolo schiacciato da un governo regionale e locale antidemocratico e incapace d risolvere i gravi problemi socioeconomici dei siciliani e di molti cittadini iblei nei comuni che amministrano.
“Ringrazio le democratiche e i democratici di Comiso per l’impegno e la partecipazione garantendo la piena riuscita dell’iniziativa per qualità delle idee emerse e per la grande sensibile partecipazione popolare, che apre la stagione politica in un autunno difficile dal punto di vista socioeconomico – ha spiegato nel suo intervento Gigi Bellassai – come partito abbiamo messo energia e passione nella difesa degli interessi concreti della nostra amata comunità.
Abbiamo voluto un dibattito con alle spalle il monumento alla resistenza, quale simbolo concreto e paradigma del fatto che anche a Comiso “la resistenza continua”.
Svolgiamo con grande serietà il nostro mandato istituzionale in Consiglio Comunale e nella società, operando una opposizione costruttiva allo scopo di difendere gli interessi dei cittadini e correggere le gravi carenze dell’attuale Amministrazione comunale, trasformatasi in un vero e proprio monocolore di estrema destra, troppo spesso autoreferenziale e chiusa a riccio, incapace di ascoltare le difficoltà dei cittadini e le sollecitazioni delle opposizioni. Con gravi negligenze nelle manutenzioni, nella qualità urbana, nei servizi e nel sostegno alle categorie più fragili come bambini e anziani. Siamo impegnati ogni giorno nella lotta contro la precarietà, per valorizzare l’impegno dei meritevoli e nello sviluppo economico e sociale. Soprattutto in questa difficile fase di crisi sanitaria, economica e occupazionale. Con oltre 3000 nuclei familiari di Comiso sotto la soglia minima di sussistenza. In una città dove l’Amministrazione ha affidato ad Area Riscossioni oltre 3 milioni e 600 mila euro di ruoli da riscuotere, una vera e propria stangata con più di un dubbio di legittimità. Sappiamo che in una situazione così drammatica il rischio di marginalità e di mancata garanzia dei diritti di cittadinanza è enorme e inedito, per questo stiamo portando avanti una serie di proposte di sgravi e sostegno economico locale per venire incontro alla popolazione e fornire un aiuto tangibile. Parallelamente lavoriamo per allargare il campo politico, civico e progressista con un’apertura al Movimento Cinque stelle, il coinvolgimento della sinistra e dei cattolico-democratici, per costruire solide basi al cambiamento per realizzare una città smart, innovativa, vivibile e con uno sviluppo ecologicamente orientato.
Sappiamo che la critica dà fastidio al potere – ha concluso Gigi Bellassai – ma il compito del PD è di svolgere questo ruolo, con ogni energia e determinazione, perché questa è la sfida che abbiamo davanti, una sfida alla quale non ci sottrarremo.”

Ultimi Articoli